EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

L'Iran che dice basta al regime corrotto degli ayatollah

L'Iran che dice basta al regime corrotto degli ayatollah
Diritti d'autore euronews
Diritti d'autore euronews
Di Alberto De Filippis
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

L'omidcidio in custodia cautelare della giovane Mahsa Amini ha provocato proteste multitudinarie

PUBBLICITÀ

L'Iran è scosso dalle proteste dopo la morte in custodia della polizia, il 16 settembre scorso, di Mahsa Amini, una iraniana di 22 anni di origine curda che era stata arrestata tre giorni prima per violazione del codice di abbigliamento islamico per le donne.

La polizia morale del paese, incaricata di far rispettare i rigidi codici di abbigliamento e comportamento, l'aveva detenuta per non aver indossato correttamente l'hijab e per portare jeans attillati.

La sua famiglia dice che Amini è stata picchiata alla testa più volte. Il governo e la polizia hanno negato le accuse, sostenendo che la sua morte era dovuta a una "malattia pregressa".

I manifestanti respingono la linea ufficiale e le proteste stanno avvenendo in tutto il paese.

Iraniani di tutte le età ed etnia e generi si sono uniti alle manifestazioni, ma sono soprattutto le generazioni più giovani a scendere in piazza.

Internet è interrotto, rendendo più difficile per i manifestanti registrare e pubblicare filmati delle manifestazioni. Nella provincia di Teheran le proteste si sarebbero estese alle città di Pakdasht e Eslam Shahr.

Il leader supremo l'Ayatollah Ali Khamenei, ha dato un forte sostegno alle forze di sicurezza nei suoi primi commenti pubblici sul movimento di protesta.

Uomini e donne arrestati dalla polizia politica

Khamenei ha accusato gli Stati Uniti e Israele, acerrimi nemici dell'Iran, di aver orchestrato le "rivolte".

Come reazione, i manifestanti in tutto il paese rispondono a un appello per più manifestazioni di massa.

I resoconti dei social media hanno riferito che persino dei bambini sono stati arrestati all'interno dei locali scolastici dalle forze di sicurezza arrivati in furgoni senza targa. Le autorità hanno chiuso tutte le scuole e gli istituti di istruzione superiore nella provincia del Kurdistan.

Mai successo che un intero popolo gridasse contro Khamenei

Finora le autorità iraniane hanno giustiziato due giovani manifestanti.e affermato che i prigionier sono stati condannati come "moharebeh" - o aver intrapreso "guerra contro Dio", un'accusa che comporta la pena di morte secondo la Shariah o legge islamica iraniana. Altre decine di manifestanti rischiano la stessa fine. 

Oltre 50 donne francesi di alto profilo si sono filmate mentre si tagliavano i capelli a sostegno delle donne e delle ragazze iraniane che sono state uccise durante le proteste per la morte di Mahsa Amini dopo il suo arresto da parte della polizia morale iraniana.

In tanti, anche sul campo di gioco sono disposti a rischiare la pelle con proteste contro il regime iraniano

In tutto il mondo migliaia di donne si sono tagliate una ciocca di capelli in segno di sostegno alla coraggiosa lotta di iraniane e iraniani contro un regime dispotico e corrotto.

C'è chi distrugge il proprio passaporto iraniano

La deputata svedese Abir Al-Sahlani si è tagliata i capelli al Parlamento europeo a Strasburgo, in solidarietà con i manifestanti in Iran.

Al-Sahlani ha chiesto "la cessazione incondizionata e immediata di tutte le violenze contro le donne e gli uomini dell'Iran", prima di tagliarsi i capelli mentre era in piedi al leggio. E questo tipo di dimostrazione è avvenuta in tutto il mondo.

Anche se è stata silenziata nelle radio, l'appassionata canzone del cantante pop iraniano Shervin Hajipour a sostegno delle proteste rimane l'inno non ufficiale del movimento. La canzone è composta da tweet sulle proteste e mette in evidenza i desideri che le persone hanno per le cose che mancano nell'Iran colpito dalle sanzioni, dove molti lamentano le difficoltà causate dalla cattiva gestione economica.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Iran, quale impatto ha avuto la morte di Mahsa Amini ?

Proteste in Nuova Caledonia: il presidente francese Macron in partenza per una missione

Nuova Caledonia, mobilitati gli agenti francesi per riprendere la strada dell'aeroporto