EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

In Ucraina la guerra non si ferma neanche a Natale

frame
frame Diritti d'autore AP/Kherson Region Administration via AP
Diritti d'autore AP/Kherson Region Administration via AP
Di euronews con Ansa
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Bombardata Kherson dove ci sono ancora morti e feriti. Zelensky nel suo discorso del 24 dicembre chiede l'unità degli ucraini

PUBBLICITÀ

Le forze ucraine hanno respinto nella giornata di ieri diversi attacchi russi in varie località dell'oblast di Kharkiv, in quello del Lugansk e nella regione del Donetsk.  A darne l'annuncio è stato  lo stato maggiore delle forze armate ucraine riferendo inoltre che l'esercito russo ha lanciato cinque missili oltre 90 attacchi contro l'Ucraina, causando vittime civili e colpendo le infrastrutture. 

E sempre ieri in un altro attacco russo al centro della città di Kherson sono morti almeno dieci civili e ne sono rimasti feriti altri 55, diciotto dei quali sono in gravi condizioni, secondo il governatore dell'Oblast di Kherson, Yaroslav Yanushevych. Le forze ucraine hanno colpito quattro zone di comando russe, un sistema missilistico antiaereo S-300 e altri tre siti strategici.

Il messaggio di Natale del presidente Zelensky

Per questo Natale, "celebreremo le nostre feste! Come sempre. Sorrideremo e saremo felici. Come

sempre. La differenza è una. Non aspetteremo un miracolo. Lo creiamo noi stessi". È questo il messaggio del presidente dell'Ucraina Volodymyr Zelensky nell'augurare buon Natale ai cristiani ortodossi di rito occidentale, osservando che quest'anno tutte le festività hanno "un retrogusto amaro" per gli ucraini a causa della guerra.

"Potrebbero esserci sedie vuote. E le nostre case e strade non possono essere così luminose. E le campane di Natale non possono suonare così forte, attraverso sirene antiaeree, o peggio ancora, colpi di arma da fuoco ed esplosioni", ha detto il presidente.

In queste festività "ci incontriamo in circostanze difficili. Qualcuno vedrà la prima stella nel cielo sopra Bakhmut, Rubizhne e Kreminna oggi. Qualcuno celebrerà la festa nelle case di altre persone - case di ucraini che hanno dato rifugio agli ucraini. Qualcuno ascolterà (la canzone ucraina) Shchedryk in un'altra lingua - a Varsavia, Berlino, Londra, New York, Toronto e molte altre città e paesi", ha detto Zelensky. E qualcuno, ha aggiunto il presidente, trascorrerà questo Natale in cattività, "ma si ricordino che veniamo anche per ilnostro popolo, restituiremo la libertà a tutti gli uomini e le donne ucraine. Ovunque siamo, saremo insieme oggi. Esprimiamo un desiderio. Uno per tutti. E proveremo gioia. Uno per tutti. E capiremo la verità. Uno per tutti", ha concluso il leader ucraino.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Ucraina, i russi sparano contro il reparto maternità dell'ospedale di Kherson

Zelensky: "La situazione in prima linea nel Donbass resta difficile e dolorosa"

Drone ucraino contro base aerea russa: morti 3 militari