Meteo: weekend di maltempo autunnale con nubifragi e vento

Torna la neve sulle Alpi. Acqua alta a Venezia
Torna la neve sulle Alpi. Acqua alta a Venezia
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ROMA, 04 NOV - Piogge localmente intense, nubifragi e vento forte. E' il maltempo a caratterizzare questo primo weekend di novembre. Le temperature, in linea con quelle autunnali, portano anche la neve sulle Alpi fin sotto i 1500 metri. E' quanto prevede Antonio Sanò, Direttore e Fondatore del sito www.iLMeteo.it, che annuncia anche forti burrasche dalla Liguria alla Sardegna che si sposteranno poi verso il meridione. Il vento sarà associato ad un brusco calo delle temperature ed è prevista l'acqua alta a Venezia, piogge intense verso il Triveneto e temporali al Centro. Durante il weekend il ciclone si isolerà gradualmente sul Mar Ionio e da questa posizione porterà maltempo al Sud, sulla Sicilia e sul medio versante adriatico. Avremo un crollo di 10°C delle massime anche su queste zone. Nel dettaglio - Venerdì 4. Al nord: maltempo su Alpi, Lombardia, Triveneto, neve a 1400-1500 metri. Centro: veloce maltempo su Toscana, Umbria, Lazio, a tratti anche in Sardegna. Sud: entro sera peggiora fortemente ovunque. - Sabato 5. Al nord: sole, ma freddo al mattino. Centro: maltempo sulle Adriatiche. Sud: maltempo, arriva l'autunno. - Domenica 6. Al nord: soleggiato con locali gelate notturne. Centro: migliora salvo ultime piogge sulle adriatiche. Sud: maltempo residuo. Tendenza: possibile Novembrata di San Martino con sole e temperature miti, salvo possibili disturbi al Nord. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Usa, Corte Suprema dà l'ok a Trump: strada spianata verso le elezioni di novembre

Le notizie del giorno | 04 marzo - Serale

Cosa sono la missione Ue Aspides e le altre operazioni nel Mar Rosso: il ruolo dell'Italia