EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Covid-19, vaccini e cautela. Il monito di Oms e Ue per evitare nuove ondate

Vaccinazione Covid-19
Vaccinazione Covid-19 Diritti d'autore Diritti d'autore Rogelio V. Solis/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved
Diritti d'autore Diritti d'autore Rogelio V. Solis/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved
Di Debora Gandini
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

No agli allarmismi ma mai abbassare la guardia. La pandemia non è finita avvertono le organizzazioni sanitarie. In inverno aumento di casi anche per la nuova variante di Omicron 5

PUBBLICITÀ

L’inverno si avvicina e i paesi si preparano a un nuovo aumento di contagi da Covid-19. Anche se lo scenario ormai è diverso rispetto agli anni precedenti la pandemia non è ancora finita. In tutta Europa e non solo l’Organizzazione mondiale della sanità fa notare che potrebbe presto iniziare un'altra ondata d’infezioni. Ecco perché servono ancora precauzioni e vaccini specie per i soggetti anziani e i più fragili.

Secondo Richard Pebody dell'OMS Europa: "Presto entreremo nel periodo invernale. Prevediamo e stiamo assistendo a un aumento dei casi. Ci si può aspettare anche una recrudescenza dell'influenza. Ci sono una serie di diverse varianti, l'importante è vaccinarsi per proteggere la salute delle persone, soprattutto quelle più vulnerabili. 

I nuovi ceppi della variante Omicron, secondo le autorità sanitarie suggeriscono di non abbassare la guardia. Le raccomandazioni restano sempre le stesse: uso delle mascherine nei posti al chiuso e super affollati e dosi booster.

Niente allarmismi ma serve cautela. Questo il messaggio della Commissione europea, del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie e dell’Oms per aiutare i Paesi a organizzare una risposta efficace a un probabile aumento della diffusione di Covid-19 e dell’influenza nei prossimi mesi. Esperti e medici ribadiscono la necessità di proteggere la salute delle persone, soprattutto quelle più vulnerabili, utilizzando tutti gli strumenti disponibili, compresa la vaccinazione.

Proteggere i più fragili

Nella dichiarazione congiunta Ue-Omd-Ecdc si legge che “Dobbiamo evitare il peso di questa co-circolazione sui nostri sistemi sanitari. Insieme alle misure di sanità pubblica, la vaccinazione rimane uno degli strumenti più efficaci contro entrambi i virus. Esortiamo i Paesi della regione europea a dare priorità alla protezione dei gruppi più vulnerabili, co-somministrando i vaccini contro l'influenza e i vaccini Covid-19 quando possibile".

Intanto nel mondo continuano a scendere i casi Covid-19. Nella settimana tra il 10 e il 16 ottobre, secondo l’ultimo bollettino dell’Oms, i casi accertati sono 2,9 milioni, il 6% in meno rispetto la settimana precedente.

-11% di nuovi casi in Europa, un -12% nelle Americhe, un -17% nella Regione del Mediterraneo, un -15% in Africa, e un -3% nel Sud-Est Asiatico. L’Italia va controtendenza, situandosi al quarto posto al mondo per numero di nuovi casi settimanali nel periodo considerato.

Nonostante questo l’Oms invita a tenere alta l’attenzione su alcune sottovarianti: non solo la BA.5, che continua a essere quella dominante, ma anche la nuova XBB, ribattezzata Gryphon, che presenta un’elevata capacità di eludere la risposta immunitaria ma non pare causare una forma più grave della malattia. 

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Brasile, Bolsonaro accusato di aver falsificato le certificazioni Covid

Salute: una persona su otto convive con l'obesità

Cisgiordania: morti e feriti in un attentato vicino a Gerusalemme, per Hamas "operazione eroica"