This content is not available in your region

L'Oms sollecita un richiamo del vaccino Covid per le persone fragili

Access to the comments Commenti
Di Euronews
L'impatto del Covid adesso
L'impatto del Covid adesso   -   Diritti d'autore  Ng Han Guan/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved

Non è finita, il Covid non è una parentesi chiusa.
Gli esperti nominati dall'Organizzazione Mondiale della Sanità sollecitano le autorità sanitarie dei diversi Paesi a considerare la possibilità di somministrare un secondo richiamo del vaccino Covid ad anziani, donne in gravidanza, operatori sanitari, alle persone con un sistema immunitario più debole e a quelle a maggior rischio di malattia grave.

"Questo virus tende a comparire ad ondate che arrivano ogni tre o quattro mesi circa. La difficoltà è che ci stiamo abituando al virus e al modo in cui cambia. Quindi non possiamo dire con certezza dove si verificheranno i picchi o quanto saranno gravi. Ma prevediamo tutti che ci saranno nuove ondate nell'emisfero settentrionale nei prossimi mesi" dice David Nabarro, inviato speciale dell'Oms per il Covid19.

Nabarro sostiene anche la necessità di non lasciare indietro nessuno: "Tuttti i Paesi dovrebbero unirsi e assicurarsi che il vaccino arrivi in tempo e che non si crei una situazione a due velocità in cui i Paesi ricchi ricevono il vaccino per primi e i Paesi più poveri devono accontentarsi delle briciole".

L'Oms raccomanda anche di prendere in considerazione la possibilità di somministrare il vaccino Covid insieme al vaccino contro l'influenza stagionale, ove possibile.