Caso Macchi, ricorso contro risarcimento

'I suoi silenzi hanno concorso all'errore sulla carcerazione'
'I suoi silenzi hanno concorso all'errore sulla carcerazione'
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - MILANO, 29 OTT - Per Stefano Binda, 54 anni, accusato e assolto di essere l'omicida di Lidia Macchi, la 21enne trovata morta nel gennaio 1987, violentata e accoltellata, a Cittiglio (Varese) le questioni giudiziarie non sono ancora finite. La Procura generale, infatti, ha fatto ricorso contro il risarcimento di 300mila euro per ingiusta detenzione affermando che "con i suoi silenzi" Binda avrebbe "contribuito all'errore sulla sua carcerazione". Lo riporta oggi il Corriere della Sera. Una questione giurisprudenziale di rilievo, dato che "il fatto che Binda si fosse avvalso più volte della facoltà di non rispondere è un diritto dell'indagato" e perché la "recente normativa sulla presunzione d'innocenza ha ribadito che tale condotta non incide sulla riparazione per ingiusta detenzione". Ma la Procura generale, sulla base di un verdetto di quest'anno della IV Sezione della Cassazione, ritiene che "la condotta mendace" negli interrogatori costituisca "condotta fortemente equivoca" tale, evidentemente, da creare concorso nell'errore. Binda è stato condannato all'ergastolo in primo grado nel 2018 a Varese, poi sia in Appello sa in Cassazione è stato assolto nel merito. In carcere ha trascorso circa tre anni e mezzo. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Gaza ripiomba nell'inferno, a Khan Younis il bombardamento più pesante dall'inizio della guerra

Russia: Navalny, nuove accuse da parte della Procura

Le notizie del giorno | 02 dicembre - Serale