Norvegia, "colpita una rete russa di spionaggio"

frame
frame Diritti d'autore frame
Di euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Arrestato anche il figlio dell'ex capo delle Ferrovie russe: faceva volare un drone non autorizzato sulle isole Svalbard

PUBBLICITÀ

La polizia norvegese ha arrestato il figlio dell'ex capo delle ferrovie russe, Vladimir Yakunin, per aver effettuato voli non autorizzati con un drone sulle Svalbard. L'uomo,  47 anni, sostiene di aver scattato foto naturalistiche durante una vacanza all'insegna dell'avventura.

L'arresto di Yakunin è solo l'ultimo di una serie che avrebbe colpito una rete di spionaggio filorussa. "Sette cittadini russi sono in custodia temporanea per aver fatto volare illegalmente dei droni,, il nostro controspionaggio sta indagando", ha detto il premier norvegese Jonas Gahr Store che ha poi aggiunto: "Non dobbiamo sorprenderci se ci saranno altri arresti nel prossimo futuro".

Poche ore prima, un drone in volo vicino all'aeroporto di Bergen ha fatto scattare i protocolli di sicurezza causando un blocco del traffico aereo. Dopo gli attacchi al gasdotto nel Mar Baltico la Norvegia ha rafforzato le misure di sicurezza sulle infrastrutture critiche di gas e petrolio.

Il ministro della Difesa di Oslo, Bjørn Arild Gram:, spiega che nelle attività di prevenzione sono impiegate unità navali, aerei F35, pattugliatori marittimi, mentre "la sicurezza interna sta supportando la polizia nella sorveglianza di raffinerie di petrolio e impianti di gas.

Davanti a questo generale innalzamento delle misure preventive, il premier norvegese ha negato l'esistenza di minacce specifiche contro il suo paese, e ha parlato di un "adeguato quadro di sicurezza".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Adozioni: certificati falsi e bambini venduti, il nord Europa indaga

Norvegia, pronte le trivelle per esplorare un'area marina grande quasi quanto l'Italia

Aumentano gli appelli per il sostegno a Kiev alla vigilia del Consiglio europeo