EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

In Polonia i dissidenti bielorussi che vogliono combattere per l'Ucraina

Guerra in Ucraina
Guerra in Ucraina Diritti d'autore Michal Dyjuk/Copyright 2022 The AP. All rights reserved
Diritti d'autore Michal Dyjuk/Copyright 2022 The AP. All rights reserved
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Guerra in Ucraina: centinaia di bielorussi chiedono di combattere al fianco degli ucraini nel reggimento speciale istituito in Polonia per i dissidenti

PUBBLICITÀ

Nonostante il muro eretto al confine tra Polonia e Bielorussia, che blinda la frontiera polacca da ingressi indesiderati, c'è chi - al contrario - entra agevolmente: si tratta dei dissidenti bielorussi che in centinaia hanno chiesto di far parte dello speciale reggimento Kalinouski e di combattere per l'Ucraina.

Dice Pavel Kuhta del Centro di mobilitazione in Polonia: "Hanno iniziato a scrivere e a chiederci: dove si può ottenere il visto? Dove bisogna andare? Qual è il modo migliore per entrare nel reggimento?".

L'esercito bielorusso potrebbe però decidere di entrare in Ucraina.

Vadim Kabanchuk combatte nel reggimento speciale, che porta il nome del rivoluzionario del XIX secolo Kastus Kalinouski. Sostiene che questa decisione sarà presa di fatto da Putin, non da Lukashenko.

"È anche la nostra guerra perché abbiamo un motto nel reggimento: liberiamo la Bielorussia attraverso la liberazione dell'Ucraina. Abbiamo un nemico comune: il regime di Putin e il suo burattino, Lukashenko - spiega Kabanchuk - Naturalmente, non vorremmo combattere un connazionale, ma se iniziassero a entrare in Ucraina, li incontreremmo per primi. Chiediamo questo alla leadership ucraina, e lo vogliamo, perché speriamo che la maggior parte dei militari bielorussi si unisca a noi. Questa sarà la fine del regime di Lukashenko. Poi andremo con loro nel territorio bielorusso e faremo cadere anche il regime, infine libereremo il popolo bielorusso dalla dittatura".

Da che parte sta la gente. I rappresentanti della diaspora bielorussa in Polonia non hanno dubbi: il conflitto in Ucraina - secondo loro - è importante per gli equilibri nell'intera regione.

Andrei Sannikov della Fondazione europea Belarus è sicuro: "La maggioranza della popolazione bielorussa sostiene gli ucraini e la loro lotta per la libertà. Per noi è estremamente importante combattere per gli ucraini, perché sono loro a guidare questa battaglia, la seconda ondata di liberazione dell'Europa. Credo che questa volta non possiamo permetterci di perdere, per noi stessi intendo, sia ucraini che bielorussi. Per aiutare la Russia abbiamo bisogno di un'Europa libera, che includa Bielorussia e Ucraina".

In Polonia, dove trovano casa molti dissidenti provenienti da Paesi dell'Est come Russia e Bielorussia, sono stati istituiti un centro di reclutamento e un punto di addestramento per i bielorussi che vogliono sostenere i loro vicini in Ucraina. L'obiettivo dichiarato è la lotta comune per il futuro della regione senza autoritarismo.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

La cortina di ferro anche con Kaliningrad

Popolo e governo ucraino vincono il Premio Sakharov

I ministri degli Esteri Ue (ultima volta di Di Maio): aiuti e addestramento militare all'Ucraina