EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Bomba al ponte di Kerch: accuse reciproche

frame
frame Diritti d'autore frame
Diritti d'autore frame
Di euronews
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Kiev: "Servizi russi dietro l'attentato". Putin: Atto ucraino, coinvolti russi"

PUBBLICITÀ

Volano le accuse reciproche dopo l'attentato al ponte di Kerch, che collega la Russia alla penisola di Crimea. Dopo aver rivendicato moralmente l'avvenimento, Kiev ora accusa Mosca, e parla di "azione interna ai servizi speciali russi".

Una posizione in contrasto con le rivelazioni del New York Times, secondo cui a programmare l'attacco sono stati i servizi ucraini.

Dopo un iniziale silenzio, dell'esplosione al ponte ne ha parlato anche il presidente russo Vladimir Putin, che ha puntato il dito su Kiev: "Non ci sono dubbi che si sia trattato di un atto di terrorismo volto a distruggere una importante infrastruttura civile. Gli autori, gli attuatori e i beneficiari di ciò sono i servizi di sicurezza ucraini".

Dopo l'esplosione, un ordine dell'autorità che gestisce il ponte ha dirottato i mezzi pesanti sui traghetti consentendo il transito solo alle auto, costrette lo stesso a lunghe code.

Secondo i servizi segreti britannici i danni causati al ponte di Kerch potranno avere un impatto significativo sulla capacità della Russia di sostenere le proprie forze nell'Ucraina meridionale. In serata, il presidente del Comitato investigativo Alexandr Bastrykin dopo aver incontrrato il presidente Putin ha dichiarato che nell'attentato sono coimvolti "cittadini russi e cittadini stranieri".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Attacco al ponte di Kerch, l'FSB fa arrestare 8 sospetti e punta il dito contro Kiev

Vladimir Putin e Kim Jong Un: proverbi e brindisi alla cena di Pyongyang

Russia e Corea del Nord rafforzano la cooperazione, non solo militare