EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Le tragedie dei migranti nel mare della Grecia: "Li abbiamo visti morire"

Greece, 2022.
Greece, 2022. Diritti d'autore AP Photo
Diritti d'autore AP Photo
Di Cristiano TassinariEuronews World
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Due naufragi in una notte: 18 vittime al largo dell'isola di Lesbo, almeno 15 a Citera, nel sud della Grecia. I superstiti: "Abbiamo visto come sono morti". Per l'UNHCR, i viaggi della speranza dei migranti stanno diventando sempre più pericolosi

PUBBLICITÀ

Al mattino, il mare al largo di Citera - al sud del Peloponneso, in Grecia - ha trascinato lontano il relitto dell'imbarcazione in cui, lo scorso mercoledì notte, hanno perso la vita almeno 15 migranti.

Ottanta di loro si sono salvati, aggrappandosi agli scogli, o sono stati tratti in salvo dalle squadre di soccorso.

Ora possono raccontare quello che di terribile è accaduto.

Abdul Ghafar Amur, migrante afghano, racconta: 
"La sicurezza di essere salvo è arrivata circa due o tre ore dopo. Durante tutte questo tempo, la maggior parte delle donne è morta e poi è toccato a giovani e anziani. Non abbiamo potuto fare nulla per loro. Li abbiamo visti morire".

Screenshot
"Abbiamo visto come sono morti".Screenshot

L'Agenzia dell'Onu per i Rifugiati (UNHCR) rileva un cambiamento del tipo di migrazione, rispetto ad anni fa: i "viaggi della speranza" (e, al tempo stesso, della disperazione) diventano sempre più pericolosi.

Spiega Shabia Mantoo, portavoce dell'UNHCR:
"I dati, dal 2015, sono in diminuzione. Tuttavia, i viaggi stanno diventando più pericolosi. Stiamo vedendo salire il bilancio delle vittime. Nel 2021, con 120.000 arrivi, abbiamo avuto circa 3.200 persone morte o disperse su quelle rotte. Questi viaggi sono sempre più mortali".

Screenshot
Shabia Mantoo, durante il collegamento per l'intervista.Screenshot

Nella stessa notte di mercoledì scorso 5 ottobre, altre 18 persone hanno perso la vita al largo dell'isola greca di Lesbo, vicino alla Turchia: 16 donne africane, un uomo e un ragazzo.

Per entrambi i naufragi, le cause sono state state il maltempo e il forte vento lungo la costa del Mar Egeo.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Migranti nudi al confine: accuse incrociate tra Grecia e Turchia

Thailandia, ex poliziotto spara in un asilo nido: uccise 37 persone (e 24 bambini)

Strage allo stadio in Indonesia. Oltre 170 morti dopo una partita