EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Ambulante ucciso: Crepet, lavorare sulla prevenzione

La maggior parte delle persone è indifferente
La maggior parte delle persone è indifferente
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ANCONA, 30 LUG - "Occorre lavorare sulla prevenzione" e "segnalare gli episodi di violenza di cui si viene a conoscenza". Così lo psichiatra Paolo Crepet commenta l'omicidio a Civitanova Marche dell'ambulante nigeriano Alika Ogorchukwu da parte di un 32enne italiano. "I social ci stanno mostrando che le persone sono pavide e vigliacche - dice a proposito della reazione di chi ha assistito alla tragedia, magari registrandola sui telefonini, mas senza fare nulla - preferiscono immortalare una persona agonizzante piuttosto che intervenire. Comunque è una reazione che mi sorprende molto, capisco che alcuni possono aver avuto paura ad intervenire, ma questo segnala che siamo diventati indifferenti: non è solo chi filma e riprende, la maggior parte delle persone è indifferente a quello che succede". Invece "la violenza non nasce da un'ora all'altra e va sempre segnalata". E secondo lo psichiatra "c'è un evidente problema di integrazione, che deriva da una cultura antica che affonda le proprie radici nel secolo scorso, nelle leggi razziali e nelle colonie. C'è una diffidenza atavica verso il diverso: in Italia si muore perché si è neri, perché si è omosessuali, perché si è donne, si muore perché si è bambini. Si tratta di una cultura autoritaria dove è assente l'educazione al rispetto". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

La Corea del Sud convoca l'ambasciatore della Russia: "Negativo" il patto di difesa tra Putin e Kim

Le notizie del giorno | 21 giugno - Pomeridiane

Altri 2 soldati israeliani uccisi a Gaza: bilancio delle vittime dell'Idf oltre 300