This content is not available in your region

L'inaugurazione del ponte di Peljesac, unisce Dubrovnik al resto della Croazia

Access to the comments Commenti
Di euronews
euronews_icons_loading
Il ponte nel luglio 2021
Il ponte nel luglio 2021   -   Diritti d'autore  AP/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved

E' un ponte lungo oltre 2 km, collegherà la penisola di Sabioncello, estremo meridione della Croazia, con il resto del Paese. Oggi pomeriggio verrà inaugurato, era un'opera attesa da tempo, il ponte di Peljesac, come lo chiamano i croati. E' una delle infrastrutture più importanti realizzate negli ultimi anni in tutta la regione balcanica. Il ponte passa sopra un pezzo di territorio bosniaco, renderà quindi il transito tra Dubrovnik e il resto del Paese più facile, prima bisognava fermarsi a due valichi di frontiera, operazione che poteva comportare un notevole dispendio di tempo.  

"Solo ora stiamo entrando a far parte della Croazia, perché le persone qui erano semplicemente isolate ed erano costrette a viaggiare attraverso due valichi di frontiera (per raggiungere il resto del Paese)", dice un allevatore di molluschi che vive sulla Penisola.

"Non dovremo più fare affidamento sul traghetto, non dovremo aspettare a due valichi di frontiera. Questa attesa in fila alla frontiera poteva durare da cinque minuti a due ore e mezza. È stato davvero estenuante e ha creato una sorta di amarezza tra le persone che vivono qui", dice un'imprenditrice.

Il ponte della "sovranità nazionale" è stato costruito dai cinesi con fondi europei

"La costruzione del ponte è una mossa in termini di sovranità per collegare il territorio croato" ha detto la scorsa settimana il premier croato Andrej Plenkovic.

Il ponte è stato costruito dalla China Bridge and Road Corporation. E' costato 525 milioni di euro, di cui 357 milioni di euro in sovvenzioni a fondo perduto dall'Unione Europea.

Nel pomeriggio via alle celebrazioni inaugurative.