This content is not available in your region

Ucraina, missili su Odessa dopo l'accordo per sbloccare l'export di grano

Access to the comments Commenti
Di Euronews
euronews_icons_loading
segnale di pericolo a Odessa
segnale di pericolo a Odessa   -   Diritti d'autore  ELVIS BARUKCIC/AFP

Uno sputo in faccia a Onu e Turchia. Così Kiev commenta l'attacco missilistico al porto di Odessa, poche ore dopo la firma di un accordo cruciale per sbloccare il grano nei porti ucraini.

I missili sarebbero caduti mentre nel porto di Odessa si stavano preparando le navi per i carichi di grano ucraino (almeno 25 tonnellate) verso i paesi che ne hanno fatto richiesta. 

"La Russia non rispetta gli accordi"

"Questo dimostra solo una cosa: non importa cosa dica o prometta la Russia, farà in modo di non rispettarlo", ha detto il presidente ucraino Zelensky. 

"Colpiti obiettivi militari" replica la Russia, secondo il cui ministro della Difesa l'attacco missilistico ha colpito una nave da guerra ucraina e un deposito di missili donati dagli Usa.

Preoccupata anche la Turchia, sotto la cui egida è stata trovata l'intesa.

"Il fatto che un simile incidente si sia verificato subito dopo l'accordo ci ha davvero preoccupato, ne siamo rimasti turbati, ma continuiamo a mantenere fede ai nostri impegni. Abbiamo sempre detto che siamo favorevoli a che le parti continuino la loro cooperazione con calma e pazienza", ha affermato  il ministro della Difesa turco Hulusi Akar. 

Condanne anche da parte del ministro dell'Agricoltura ucraino, Mykola Solsky: "L'Ucraina ha un accordo con la Turchia e le Nazioni Unite. Per questo non guardiamo ai bombardamenti di oggi. Faremo di tutto per mantenere l'accordo. Questo attacco russo è la 325esima conferma in una settimana che non ci si può fidare della loro parola". 

Le condanne della comunità internazionale

Parole dure anche dalla comunità internazionale:  Paolo Gentiloni, commissario Ue all'economia, ha affermato che l'attacco russo di oggi è "una sfida alle Nazioni unite e a ogni sforzo di negoziato". 

Anche Josep Borrell, alto rappresentante Ue, ha affermato che "puntare un luogo cruciale per l'export del grano un giorno dopo la firma degli accordi di Istanbul è da biasimare, e dimostra ancora una volta la totale noncuranza della Russia per il diritto e gli accordi internazionali". 

Sulla stessa lunghezza d'onda l'ambasciatrice degli Stati Uniti in Ucraina, Bridget Brink: "Si tratta di un attacco oltraggioso sul porto di Odessa da parte della Russia, meno di 24 ore dopo la firma dell'accordo". 

Si tratta di un attacco oltraggioso
Bridget Brink
Ambasciatrice Usa in Ucraina

Istanbul ha annunciato la creazione di una cabina di regia per garantire il rispetto di un accordo cruciale per la ripresa del commercio del grano.