This content is not available in your region

Lumumba, è stato un tunnel buio ma ora sono fuori

Access to the comments Commenti
Di ANSA
Ora in Polonia arrestato e poi prosciolto per delitto Perugia
Ora in Polonia arrestato e poi prosciolto per delitto Perugia

(ANSA) – PERUGIA, 06 LUG – “E’ stata molto molto, molto dura,
un tunnel buio ma ora grazie a Dio ne sono uscito”: a parlare è
Patrick Lumumba, colui che si considera la “seconda vittima”
dell’omicidio di Meredith Kercher, compiuto nel novembre del
2007 a Perugia dove all’epoca viveva. Delitto per il quale venne
arrestato e poi scarcerato dopo 14 giorni, venendo quindi subito
prosciolto perché risultato totalmente estraneo a quanto
successo. Lumumba ha lasciato da qualche tempo il capoluogo umbro per la
Polonia. “Ora vivo con la mia famiglia a Cracovia dove sono
socio maggioritario di un’azienda di sub-appalto” racconta
parlando con l’ANSA. Per lui “è difficile da dimenticare completamente” quanto gli
è successo per l’omicidio Kercher. “Me lo porterò nella tomba”
ha affermato. Dei 14 giorni in carcere, Lumumba ricorda “una grande
tristezza”. “Non bisogna mai dimenticare – ha sottolineato
ancora – Meredith ma io mi sono sempre considerato la seconda
vittima. Ricordo i primi tre giorni da solo in cella, innocente
senza sapere cosa era successo, l’isolamento, il muro davanti
alla finestra. Già dalla questura pensavo che sarei tornato
subito a casa perché mi fidavo…”. “Ormai per me è un capitolo chiuso e sono fuori dal tunnel” ha
concluso Lumumba. (ANSA).

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.