USA, la Corte Suprema del Texas blocca la sentenza che riapriva all'aborto

AP Photo
AP Photo Diritti d'autore Delcia Lopez/The Monitor
Diritti d'autore Delcia Lopez/The Monitor
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Concessa l’entrata in vigore di una legge del 1925 che vieta l’aborto e punisce con la detenzione chi lo mette in pratica

PUBBLICITÀ

La Corte Suprema del Texas ha bloccato un ordine di un tribunale di grado inferiore che aveva consentito alle cliniche dello Stato di continuare a praticare aborti anche dopo la dir poco duscussa decisione della Corte Suprema statunitense della scorsa settimana.

La legge entrata in vigore, datata 1925, non era più stata applicata dopo la sentenza 'Roe v Wade', con cui nel 1973 era stato legalizzato l'aborto. 

Delcia Lopez/The Monitor
AP PhotoDelcia Lopez/The Monitor

Chi lo pratica ora è punibile anche con la carcerazione: con questa decisione, la Corte ha ribaltato la sentenza di un tribunale della contea di Harris, che l’aveva temporaneamente bloccata dopo il passo indietro della Corte Suprema.

Il procuratore generale del Texas, Ken Paxton, ha esultato sulla sua pagina Twitter, inneggiando alla "vittoria pro-vita".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Highland Park, 4 luglio di sangue: spari alla parata del Giorno dell'Indipendenza, almeno 6 vittime

Trump a processo, morto l'uomo che si è dato fuoco davanti al tribunale di New York

Usa, un agente di polizia e un vicesceriffo muoiono in una sparatoria nello Stato di New York