EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

L'aviazione vede rosa: danni contenuti e ritorno al profitto nel 2023

Willie Walsh, direttore generale Iata
Willie Walsh, direttore generale Iata Diritti d'autore AFP
Diritti d'autore AFP
Di Giulia Avataneo
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

La pandemia ha dimezzato il numero di passeggeri, ma la ripresa è a portata di mano secondo l'Associazione internazionale del Trasporto aereo

PUBBLICITÀ

Dopo due anni in negativo l'industria dell'aviazione torna alla redditività, anche se con problemi logistici in seguito a un'esplosione della domanda di viaggi, legata alla ripresa del turismo, e le incertezze dovute ai costi delle materie prime. Ma le previsioni dell'Associazione Internazionale del Trasporto Aereo, riunita a Doha, sono rosee.

Willie Walsh è il direttore generale della Iata:

"Tutti i segnali fanno pensare a una prospettiva positiva per il nostro settore - dice - La direzione è quella giusta e le compagnie aeree hanno adottato le strategie corrette, ricostruendo i ricavi e tenendo sotto controllo i costi. Anche a fronte di uno degli aumenti più significativi del prezzo del petrolio siamo stati in grado di contenere le perdite nell'anno in corso e di adocchiare un ritorno alla redditività".

Le perdite dell'aviazione civile dovrebbero scendere a 9,7 miliardi di dollari nel 2022, briciole rispetto ai 137,7 miliardi del 2020 e ai 42,1 miliardi del 2021. In forte ripresa anche il trasporto merci.

Equilibrio da ritrovare

Willie Walsh ha aggiunto di non essere "preoccupato" per l'attuale contesto di domanda e offerta.

"Le compagnie aeree sono solide - spiega - I passeggeri sempre più numerosi. Il trasporto cargo sta ottenendo buoni risultati in un contesto di crescente incertezza economica".

Si prevede che quest'anno i passeggeri aerei raggiungeranno l'83% rispetto ai livelli pre-pandemia. Il ritorno agli utili è "a portata di mano" nel 2023, nonostante l'incertezza attuale.

L'industria dell'aviazione è stata messa a dura prova dalla pandemia, con un crollo del numero di passeggeri del 60% nel 2020 e del 50% nel 2021. Le compagnie aeree hanno perso quasi 200 miliardi di dollari in due anni.

Mentre alcune aziende sono fallite, altre - spesso grazie agli aiuti di Stato - sono uscite dalla pandemia con profitti intatti.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

L'industria aeronautica si è riunita a Riad per discutere del futuro del trasporto aereo

Passeggeri a terra e lunghe attese. Ad Amsterdam aeroporto nel caos per mancanza di personale

L'aviazione in difficoltà per il Coronavirus