Rissa fra minori filmata davanti a scuola, indagati tre 15enni

Un mese fa nel Bolognese, uno dei litiganti in ospedale
Un mese fa nel Bolognese, uno dei litiganti in ospedale
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - BOLOGNA, 13 GIU - I carabinieri di Medicina, nel Bolognese, hanno segnalato alla Procura presso il Tribunale per i Minorenni di Bologna tre quindicenni per una rissa scoppiata un mese fa davanti a una scuola media della cittadina e ripresa in un video, poi diffuso sui social. Sono accusati di lesioni personali a un loro coetaneo, finito al pronto soccorso con lesioni guaribili in 20 giorni. I fatti risalgono al primo pomeriggio del 4 maggio quando due alunni della scuola, dopo una lite iniziata all'interno dell'istituto, si erano dati appuntamento fuori al termine delle lezioni per regolare i conti. Secondo quanto ricostruito, i due hanno cominciato a picchiarsi davanti a diversi compagni, che hanno ripreso la scena con i loro telefonini. Nei filmati, successivamente acquisiti dai carabinieri, si vedono e si sentono gli amici ridere e assistere alla scazzottata senza intervenire. Solo quando uno dei due sfidanti finisce a terra e si trova in evidente difficoltà un paio di amici si avvicinano per aiutarlo, cercando di allontanare l'altro. Per farlo a quanto pare lo spostano a forza, arrivando a fargli male. Il quindicenne finirà in ospedale con una spalla lussata, un ematoma alla palpebra sinistra con emorragia dell'occhio. All'indomani dell'accaduto i genitori del ragazzo ferito si sono rivolti ai carabinieri per denunciare chi ha procurato quelle lesioni al figlio. Dopo avere ascoltato i protagonisti della lite e alcuni testimoni e esaminato i filmati girati con il telefonino, i militari hanno identificato tre ragazzini, coetanei del ferito e italiani come lui: il primo compagno con il quale si stava picchiando e due degli amici intervenuti per fermarlo. Dell'intera vicenda è stata informata la Procura presso il Tribunale per i Minorenni di Bologna, che valuterà le posizione dei tre quindicenni indagati. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Guerra in Ucraina: Berlino invia Patriot a Kiev, aumentano i bambini uccisi negli attacchi

Medio Oriente: Pasdaran sequestrano nave "legata a Israele"

Terrorismo: la Danimarca proroga i controlli al confine con la Germania