EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

“Buono e basta”, ecco il sostituto russo del McDonald's

Dal mese di maggio McDonald's ha messo in vendita tutte le sue attività in Russia
Dal mese di maggio McDonald's ha messo in vendita tutte le sue attività in Russia Diritti d'autore AP/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved.
Diritti d'autore AP/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved.
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

La catena “Vkusno i tochka“ soppianterà gli 850 ristoranti del colosso del fast food nel Paese. Piatti e hamburger simili, ma con nomi diversi

PUBBLICITÀ

Si chiama “Vkusno i tochka”, un nome traducibile grosso modo con “Buono e basta”, ed è la nuova versione autoctona russa del McDonald's. Dopo che l'azienda ha deciso di abbandonare il Paese, in seguito all'invasione dell'Ucraina, tutti i suoi 850 ristoranti sono stati venduti e riapriranno sotto un nuovo brand.

Il McDonald's russo

Il primo punto vendita è appena stato inaugurato a Mosca, in quello che era il primo McDonald's dell'Unione sovietica, aperto nel 1990. Non cambiano gli arredi né le cucine del locale, e anche i piatti sembrano molto simili. Soltanto, avranno nomi diversi.

"Alcuni prodotti non saranno più nel nostro menu, come Big Mac e McFlurry. Ciò è dovuto al fatto che il loro aspetto e il loro metodo di produzione hanno un'associazione molto diretta con il marchio McDonald's., ha spiegato durante l'inaugurazione del primo “Vkusno i tochka” Oleg Paroyev, direttore generale del gruppo. "Ma per ognuno di loro promettiamo degni sostituti e sono sicuro che i nostri clienti sapranno apprezzarli".

La nuova catena aprirà 850 ristoranti entro la fine dell'estate, dando lavoro a 51mila addetti, secondo il suo proprietario, Alexander Govor. L'obiettivo è non far rimpiangere ai russi i celebri panini di ispirazione statunitense.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Aziende straniere in fuga dalla Russia: ma ormai è tardi. Il sogno di Putin di "nazionalizzare"

Borjomi, il governo di Tbilisi salva l'acqua minerale "made in Georgia", colpita dalle sanzioni

Russia: espulso addetto militare ambasciata britannica, per Mosca è "persona non grata"