This content is not available in your region

Operazione turca di vasta scala contro il Pkk curdo in Iraq

Access to the comments Commenti
Di Giulia Avataneo
euronews_icons_loading
Esercito turco
Esercito turco   -   Diritti d'autore  Министерство обороны Турции

La Turchia ha lanciato una nuova offensiva via terra e aria contro i militanti curdi nel nord dell'Iraq.

I jet e l'artiglieria turchi hanno colpito obiettivi del Partito dei Lavoratori del Kurdistan, PKK: rifugi, bunker, grotte, tunnel sono stati distrutti dall'esercito di Ankara, come ha riferito il ministero della Difesa turco.

Poi sono intervenute le truppe via terra, supportate da elicotteri e droni. Le località interessate sono Zap, Metina e Avasin Basyan.

Militanti del PKK mantengono basi nel nord dell'Iraq da cui partono attacchi diretti nel territorio turco. Ankara da decenni risponde con operazioni aeree e terrestri.

Quarant'anni di conflitto

Il ministero della Difesa ha fatto sapere che l'operazione è stata avviata secondo il principio di "legittima difesa" a causa di un "attacco su larga scala" che sarebbe stato pianificato dalle forze curde.

"Siamo determinati a salvare la nostra nobile nazione dalla disgrazia del terrore che ha afflitto il nostro paese per 40 anni - ha detto il ministro della Difesa turco Hulusi Akar - La nostra lotta continuerà fino a quando l'ultimo terrorista sarà neutralizzato".

Akar non ha divulgato dettagli sul numero di militari e mezzi coinvolti nell'ultima incursione.

Non c'è stata dichiarazione immediata da parte del gruppo militante curdo.

Decine di migliaia di persone sono state uccise dal 1984, quando il PKK, designato come organizzazione terroristica da Stati Uniti e Unione Europea, ha iniziato un'insurrezione indipendentista nella regione sudorientale a maggioranza curda della Turchia .

L'azione militare rappresenta una nuova fase delle campagne contro le forze curde iniziate dall'esercito di Ankara nel 2020 e denominate "artiglio" (Pençe).