This content is not available in your region

Twitter: una "pillola di veleno" per Elon Musk rende più difficile (e costosa) la sua scalata

Access to the comments Commenti
Di Cristiano Tassinari  & Euronews World - ANSA - AP
I dubbi di Elon Musk: Twitter è in vendita?
I dubbi di Elon Musk: Twitter è in vendita?   -   Diritti d'autore  Patrick Pleul/(c) dpa-Zentralbild POOL

Ormai è sfida totale tra gli attuali proprietari di Twitter e Elon Musk (50 anni), l'uomo più ricco del mondo, che detiene il 9,2% del social media con sede a San Francisco.

Il consiglio di amministrazione di Twitter - fondata il 15 luglio 2006 - ha approvato una cosidetta "poison pill" (letteralmente: pillola di veleno), una misura che rende difficile per chiunque, incluso il patron di Tesla, salire a oltre il 15% della società che cinguetta.

Twitter, dal canto suo, sta rendendo ostico il percorso di Musk: è stato citato in giudizio dagli azionisti perché avrebbe dovuto segnalare la sua posizione nel capitale dell'azienda entro il 24 marzo - dieci giorni dopo aver raggiunto la quota del 5% - ma l'ha fatto solo il 4 aprile, e questo potrebbe aver fatto perdere agli azionisti più di 100 milioni di dollari.

I provvedimenti dell'Autorità di Vigilanza della Borsa statunitense al riguardo potrebbero non essere ancora arrivati.

Paul Harloff, esperto di Associated Press spiega:
"Questa poison pill rende solo molto più costoso per Musk l'acquisto della società. Ma non significa che Twitter non negozierà alla fine un accordo con lui, ma questo dà loro un po' più di influenza e possono costringerlo ad aumentare la sua offerta, anche se Musk ha detto che 54,20 dollari per azione è la sua offerta finale. Elon Musk è una persona che è nota per cambiare idea, quindi potrebbe arrivare persino con un'offerta più alta".

Screengrab by video
"Solo un modo per far aumentare l'offerta a Musk"Screengrab by video

Nei giorni scorsi, il board di Twitter ha ricevuto un'offerta di acquisto totale (100%) da 43 miliardi di dollari da parte di Musk, il cui progetto è una rivoluzionaria libertà di parola per Twitter, in cui potrebbe essere persino riammesso Donald Trump...

"Questo è quasi un momento storico, qualcosa che può riscrivere la storia", commenta Dan Ives, analista di Wedbush.
"Voglio dire, Musk che cerca da solo di comprare Twitter non era nelle previsioni di nessuno per il 2022. Ma a causa della questione della libertà di parola, i social sono diventati un settore divisivo in cui Musk - come persona più ricca del mondo - vuole avere la sua parte, diventando il solo proprietario di Twitter".

Screengrab by video
"Siamo di fronte ad un momento storico".Screengrab by video

Mentre il CEO Parag Agrawal, a nome degli azionisti, dichiara che Twitter "non è ostaggio di nessuno", in realtà, Elon Musk - pur essendo il più ricco del Pianeta - non avrebbe la liquidità necessaria per i 43 miliardi di dollari offerti e cerca alleati. Ma se l'offerta dovesse essere rifiutata, venderà la sua quota del 9% di Twitter.

"Twitter non dovrebbe essere gestito dell'uomo più ricco del mondo".
Paris Marx
Giornalista e scrittore canadese, esperto di tecnologia

La preoccupazione dei dipendenti di Twitter

Mentre non si placano i dubbi sulla capacità di Musk di finanziare l'operazione, sale la preoccupazione fra i dipendenti di Twitter preoccupati dall'approccio del patron di Tesla. Il timore è che possa essere una distrazione e destabilizzare gli sforzi in atto nella battaglia quotidiana ai "contenuti tossici" che circolano sulla piattaforma.

Senza contare la paura che possa rivoluzionare la cultura interna, ribaltando l'ambiente lavorativo flessibile in cui i dipendenti lavorano. Ipotesi, questa possibile, visti i modi bruschi e le continue provocazioni di Musk, contrario all'uso dei pronomi di genere e oggetto - con la sua Tesla - di diverse denunce per molestie sul lavoro. Insomma: un modello di uomo "tradizionale" che si scontrerebbe con la cultura "liberal" della Silicon Valley....

John Raoux/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved
Colazione con Twitter!John Raoux/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved

USA: i repubblicani e il "liberatore della censura"

E se i dipendenti di Twitter tremano, i repubblicani brindano a Musk, considerato il "liberatore dalla censura.

La possibile ascesa del patron di Tesla è considerata una spallata ai "liberal" e alle piattaforme social, accusate da tempo di soffocare e censurare chi non la pensa come la Silicon Valley.

Sostenitore della libertà di espressione senza se e senza ma, Musk è visto proprio come il salvatore che potrebbe persino riportare Donald Trump su Twitter.

"I timeout sono meglio dei divieti permanenti", ha detto Musk nelle ultime ore, alimentando così le speranze di una riammissione dell'ex presidente su Twitter, dal quale è stato bandito dopo l'assalto al Congresso americano del 6 gennaio 2021.

Screengrab by video
Elon Musk con un'altra delle sue creature: le auto elettriche Tesla.Screengrab by video