This content is not available in your region

Corsica, corteo indipendentisti: canti la Marsigliese? Una provocazione

Access to the comments Commenti
Di Euronews
euronews_icons_loading
Manifestazione in Corsica
Manifestazione in Corsica   -   Diritti d'autore  PASCAL POCHARD-CASABIANCA/AFP or licensors

Bandiere corse sulle spalle, la folla è avanzata verso la caserma CRS, il corpo della polizia nazionale francese con funzioni antisommossa e di protezine civile, vicino a Bastia

500 persone hanno partecipato al corteo promosso dagli indipendentisti, che denunciavano le provocazioni subìte. 

I manifestanti hanno accusato la CRS di aver cantato la Marsigliese venerdì, mentre la Corsica stava seppellendo Yvan Colonna, icona dell'indipendentismo corso.
Altre 200 persone hanno protestato ad Ajaccio.

Paul-Felix Benedetti, leader di "Core in Fronte", un movimento minoritario pro-indipendenza nell'Assemblea della Corsica, descrive il disagio di una buona parte della società corsa: "C'è un risveglio della società, con un'identità corsa che diventa sempre più forte, e tutta una parte della popolazione che oggi ha la sensazione di essere stata derubata. All'inizio ci abbiamo creduto: credevamo che attraverso le elezioni si potesse ottenere un progresso politico. Ma dopo qualche anno abbiamo riscontrato la negazione permanente di questo suffragio universale popolare. A questo punto, non resta che l'espressione in strada, non resta che la protesta".

PASCAL POCHARD-CASABIANCA/AFP or licensors
Vandalismi durante la manifestazione del 13 marzo 2022 a BastiaPASCAL POCHARD-CASABIANCA/AFP or licensors

L'attacco mortale a Yvan Colonna in prigione ha risvegliato un sentimento di ribellione, in alcuni casi sfociato in violenza, nei confronti dello Stato francese sull'isola.