This content is not available in your region

Dai videogiochi al padel: i mille volti dello sport in Qatar

Di Euronews
euronews_icons_loading
Dai videogiochi al padel: i mille volti dello sport in Qatar
Diritti d'autore  euronews

Gli e-sport sono un'attrazione sempre più popolare in tutto il mondo, con convention, competizioni e canali di streaming. Tanto che stanno diventando un argomento popolare persino negli ambienti accademici. Il Qatar non fa eccezione. L'International School of London è la prima scuola in Medio Oriente e Nord Africa ad usare i videogiochi per supportare l'apprendimento e creare il proprio torneo di e-sport.

Il Qatar ha istituito anche una federazione di e-sport che punta ad ospitare dei tornei internazionali e ad attirare varie organizzazioni nel paese. "Siamo davvero felici di aver potuto aiutare l'International School of London con il loro programma educativo attraverso i videogiochi - dice Khalifa Saleh Al Haroon, membro del consiglio della federazione -. Un paio di istituti ci hanno chiesto di supportare i loro programmi educativi con la realtà virtuale, sempre più scuole ne stanno vedendo il potenziale".

La squadra di e-football del paese, supportata dalla Qatar Football Association, è ora al decimo posto a livello globale. Stando alle statistiche entro il prossimo anno gli esports raggiungeranno 600 milioni di persone in tutto il mondo, con ricavi superiori a 1,6 miliardi di euro entro. Si stima che ci siano 20 milioni di giocatori di e-sport nel mondo arabo.

Un hub per fare affari con lo sport

Il business dello sport è un'industria miliardaria con grandi opportunità. Il nuovo Sport Accelerator Hub del Qatar mira a creare nuove possibilità e ad attrarre investimenti stranieri nello sport. Ne abbiamo parlato con il suo amministratore delgato, Azzam Al-Mannai, per saperne di più.

"Sport Accelerator è un business hub pionieristico, unico nel suo genere - dice Al-Mannai -. Opera sotto l'ombrello della Fondazione Aspire Zone. Il nostro obiettivo principale è quello di creare un ecosistema, un ambiente per le aziende sportive che si stabiliscono qui a Doha sotto lo stesso tetto, e allo stesso tempo creare una controparte locale di queste aziende internazionali che si stabiliscono a Doha. Aziende locali create qui in Qatar".

Che tipo di nuove imprese possono emergere nello sport? "Nella nostra sede ospitiamo aziende internazionali protagoniste di storie di successo come Microsoft e la Liga spagnola di calcio - dice Al-Mannai -. Ma mi piace parlare anche delle storie di successo delle start-up. Sponix ha iniziato qui un anno fa. E ora si sta facendo largo in Europa, Asia e nei paesi del Golfo. Sponix è una società di tecnologia che ha creato questa sorta di replay in 3D che sono usati nelle partite di calcio. Hanno avuto successo, hanno firmato accordi con Serie A, Uefa e aziende come Bein Sports".

Tutti pazzi per il padel

Mai sentito parlare di padel? Come il tennis, con un tocco di squash: l'ascesa di questo sport è inarrestabile, e in nessun paese è più popolare che in Qatar. Julia e Guillerm sono venuti dalla Spagna un anno fa per insegnare a Doha nei campi del club sportivo Aspire. È uno dei primi campi da padel del paese.

"Il padel è uno sport molto facile da praticare fin dall'inizio - dice Xavier Pedrero, fondatore di Padel Qatar -. Puoi entrare in campo con gli amici e fina dai primi palleggi ti rendi conto che è un sporto che puoi praticare. Indipendentemente dalla tua età, dalla tua tecnica, dal tuo livello di forma fisica, sei in grado di divertirti fin dal primo momento".

Inventato nel 1969 da un uomo d'affari messicano, negli ultimi anni il padel ha preso piede in tutto il mondo. Di solito giocato in doppio - anche se è possibile giocare anche in singolo - durante la pandemia questo sport senza contatto è diventato una valvola di sfogo per gli amanti dell'attività fisica.

L'International Padel Federation, l'organo di governo dello disciplina, ha lanciato un nuovo tour mondiale. Con così tanti campi e appassionati di padel, non è una sorpresa che il primo torneo venga giocato proprio qui in Qatar.