This content is not available in your region

Standing ovation dei parlamenti per Volodymyr Zelensky

Access to the comments Commenti
Di euronews
euronews_icons_loading
Standing ovation dei parlamenti per Volodymyr Zelensky
Diritti d'autore  أ ب

S_tanding ovation_ al Bundestag per il presidente ucraino che in virtuale ha fatto un discorso di rimprovero nei confronti della Germania. Volodymyr Zelensky ha criticato Berlino per aver dato la priorità all'economia e alle forniture di gas russe rispetto alla difesa di valori come la libertà e l'indipendenza per i quali i soldati ucraini stanno combattendo. 

Il nuovo muro in Europa

"Mi rivolgo a voi dopo numerosi incontri, trattative, dichiarazioni e richieste. Dopo la scelta di azione di sostegno, alcune delle quali tardive - ha detto Zelensky - Dopo le sanzioni, che ovviamente non bastano a fermare questa guerra. E dopo aver visto quanti legami lasciano le vostre aziende con la Russia. Con una nazione che vi usa come usa anche altri paesi per finanziare la guerra". Mosca sta costruendo un nuovo muro tra libertà e non libertà, e ogni bomba che cade sull'Ucraina è un mattone in quel muro (...).** Siete nuovamente come dietro il muro. Non a Berlino. Ma in mezzo all'Europa. Tra libertà e schiavitù. E questo muro si rafforza ad ogni bomba che cade sulla nostra terra, sull'Ucraina. Con ogni decisione che non viene presa per il bene della pace. Non approvata da voi che potete farlo**": ha tuonato il presidente ucraino. 

Analoga scena con gli Stati Uniti e conseguente reazione di Mosca

Mercoledì Zelensky si è rivolto al Congresso degli Stati Uniti per chiedere missili antiaerei e aerei caccia per affrontare l'invasione russa. Giovedì (mentre si rivolgeva al Bundestag) Mosca ha reagito attraverso la portavoce per gli affari esteri.  "Tali dichiarazioni sono già estremamente pericolose e tali forniture, come già menzionato dai rappresentanti dell'amministrazione presidenziale, diventeranno un fattore destabilizzante che non porterà la pace in Ucraina e sul lungo periodo potranno avere conseguenze ancor più pericolose": ha detto la portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova. Mosca peraltro nega che la loro forza armata prenda di mira le aree civili  dell'Ucraina in cui è in corso una "operazione militare speciale".