This content is not available in your region

Accusare Putin di crimini di guerra? Complesso, ma non impossibile

Access to the comments Commenti
Di Giulia Torbidoni
Accusare Putin di crimini di guerra? Complesso, ma non impossibile
Diritti d'autore  Mikhail Klimentyev, Sputnik, Kremlin Pool Photo via AP

Il numero crescente di vittime tra la popolazione ha spinto le accuse contro Mosca di aver commesso crimini di guerra nel suo incessante bombardamento di obiettivi non militari nelle città, così come di aver presumibilmente usato armi che aumentano il rischio di morte e lesioni per i civili.

In questo senso, il governo dell'Ucraina ha aperto un nuovo fronte nel conflitto, in quanto ha inviato squadre di perlustrazione nei siti bombardati alla ricerca di prove per creare un caso contro la Russia presso la Corte penale internazionale (CPI) dell'Aia.

Il mese scorso, il procuratore della CPI ha annunciato l'apertura di un'indagine su possibili crimini di guerra in corso in Ucraina. Una mossa che è stata accolta dai capi di Stato e di governo dell'Ue durante il loro incontro al vertice di Versailles, venerdì.

La definizione di crimini di guerra e la loro dimostrazione

I crimini di guerra, secondo il diritto internazionale, includono la presa di mira dei civili, così come le aggressioni che causano vittime civili sproporzionate rispetto all'obiettivo militare. Questo include attacchi a ospedali, cliniche, scuole, monumenti storici e altri luoghi civili chiave, così come gli attacchi o i bombardamenti di città, villaggi o abitazioni che non sono difesi e che non sono obiettivi militari.

Tuttavia, ci sono molti tragici atti di violenza che provocano la morte di civili e non soddisfano tali criteri. Nella maggior parte dei casi, dunque, provare che l'uccisione di civili costituisce un crimine di guerra è molto difficile.

"Lo standard per la condanna in un tribunale penale internazionale è estremamente alto", dice a Euronews Marti Flacks, direttore dell'Iniziativa per i diritti umani al Centro per gli studi strategici e internazionali di Washington.

"L'aspettativa per perseguire qualcuno per crimini di guerra e crimini contro l'umanità è quella di poter dimostrare la responsabilità individuale e il fatto che questa persona esegua degli ordini o sia responsabile di una politica che chiede di commettere questi crimini. E dimostrare questo può essere molto difficile, soprattutto quando non si ha la cooperazione dello Stato da cui quel tipo di persona proviene, cosa che ovviamente non avremmo nel caso della Russia".

Per incriminare qualcuno, il procuratore della CPI deve dimostrare che i presunti crimini sono crimini di atrocità: genocidio, crimini contro l'umanità o crimini di guerra. Il procuratore, quindi, determina la gravità dei fatti guardando la portata, la natura, il modo e l'impatto dei presunti crimini.

Inoltre, bisogna ricordare che la CPI processa gli individui, non gli Stati. Per esempio, nel conflitto attuale, la Russia non sarebbe imputata, ma potrebbe esserlo Vladimir Putin.

Un mandato d'arresto per Putin?

Una volta raccolte abbastanza prove per stabilire che esistono motivi ragionevoli per ritenere che i crimini di atrocità sono stati commessi, il procuratore può richiedere che una camera della CPI emetta un mandato d'arresto per Putin - ma creare un caso nelle circostanze attuali potrebbe essere complicato.

"Ovviamente, qualsiasi azione penale richiede una serie di passi, tra cui la raccolta di prove fisiche, l'intervista e la raccolta di testimonianze, la raccolta di informazioni contestuali e la documentazione, che spiega le circostanze in cui i crimini sono stati commessi. E il contesto di una guerra attiva in corso rende difficile fare tutto questo", dice Flacks.

Se la CPI emettesse un mandato d'arresto contro Putin, la sua capacità di viaggiare sarebbe fortemente limitata. "Se Putin o qualcuno della sua leadership fosse ricercato dalla CPI, tutti i 123 membri dello Statuto di Roma della Corte penale internazionale sarebbero obbligati a consegnarli alla CPI", dice Flacks.

In pratica, affinché Putin e altri alti dirigenti possano affrontare qualsiasi tipo di accusa, dovrebbe esserci un cambio di regime in Russia - l'idea che Putin venga arrestato dal suo stesso governo è semplicemente inconcepibile.

Il tempo necessario per perseguire un capo di Stato

Se dovessero esserci delle accuse, e se Putin rimanesse capo di Stato, sarebbe molto complicato, come è stato il caso di altri capi di Stato che sono stati incriminati ma per anni non sono stati portati davanti alla CPI perché avevano preso provvedimenti per evitare la presenza fisica davanti alla Corte. Questo è importante, poiché la CPI non processa gli individui in contumacia.

Probabilmente ci vorranno anni per arrivare a un verdetto, nel caso di incriminazione di Putin e altri alti funzionari militari e politici.

"I procedimenti della CPI possono richiedere molto tempo. Ad esempio, il caso che la CPI ha iniziato a indagare per l'invasione russa dell'Ucraina nel 2014 sta ancora andando avanti", dice Flacks. "E sappiamo che i procedimenti che sono iniziati nei primi giorni della CPI, nei primi anni 2000, in alcuni casi sono in corso ancora oggi".

Infine, l'Ucraina sta perseguendo anche un'altra strada per ritenere la Russia responsabile del crimine di aggressione e lo sta facendo attraverso la Corte internazionale di giustizia. Questo tribunale delle Nazioni Unite ha programmato udienze pubbliche. Ma si occupa di controversie tra Paesi, e quindi non ci sarebbe alcuna accusa penale contro Putin come individuo.