This content is not available in your region

Il mondo resta col fiato sospeso sullo scontro Russia-Ucraina

Access to the comments Commenti
Di euronews
euronews_icons_loading
Il mondo resta col fiato sospeso sullo scontro Russia-Ucraina
Diritti d'autore  STRINGER/AFP or licensors

L'iniziale faccia a faccia fra il presidente russo Vladimir Putin e l'omologo francese Emmanuel Macron sembra già preistoria. Nell'ultima telefonata con Parigi il capo del Cremlino ha detto a Macron che continuerà la sua lotta contro i nazionalisti in Ucraina "senza compromessi",  aggiungendo che "potrebbe anche allargare le sue aspettative" e ha ribadito la richiesta di una smilitarizzazione l'Ucraina da ridurre a stato neutrale avvertendo che "qualsiasi tentativo di guadagnare tempo attraverso i negoziati farà crescere la fattura per Kiev..."

Adesso sul territorio ucraino i nostri soldati e ufficiali combattono per la Russia, per la vita pacifica dei cittadini del Donbass, per la denazificazione e la smilitarizzazione dell'Ucraina in modo che qualsiasi coalizione anti-Russia che è stata creata per anni dall'Occidente sui nostri confini, smetta di minacciarci, peraltro anche con armi nucleari come accaduto ultimamente.
Valdimir Putin

Le richieste di Zelensky

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha dichiarato l'intenzione di voler negoziare direttamente con il suo omologo russo Vladimir Putin. "Devo parlare con Putin (...) perché è l'unico modo per fermare questa guerra": ha detto durante una conferenza stampa ed ha invitato gli occidentali ad aumentare il loro sostegno, perché se la Russia vince Putin attaccherà anche il resto dell'Europa orientale, a cominciare dai Paesi Baltici.  "Ripristineremo ogni casa, ogni strada, ogni città e diciamo alla Russia: imparate le parole "riparazioni e contributi". Ci rimborserete per tutto quello che avete fatto contro il nostro Stato, contro ogni ucraino. E non dimenticheremo tutti coloro che sono morti": ha concluso Volodymyr Zelensky.

Le proteste degli ucraini

Gli ucraini protestano davanti alle truppe russe e gli incidenti gravi sono sempre dietro l'angolo. La presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, ha ribadito il suo sostegno al potenziale ingresso dell'Ucraina nell'UE e ha annunciato che il Paese, vittima di un'invasione militare russa, sarà connesso alla rete elettrica europea in poche settimane. 

Non c'è dubbio che queste persone coraggiose che difendono i nostri valori con la vita appartengano alla famiglia europea

ha detto von der Leyen a Bucarest in una conferenza stampa con il presidente rumeno Klaus Iohannis, riferendosi alle aspirazioni dell'Ucraina, della Georgia e della Moldova. La presidente della Commissione ha  spiegato che la richiesta deve ora essere discussa dagli Stati membri dell'Unione europea  ed ha promesso di "accompagnare l'Ucraina nel processo con determinazione, unità e solidarietà".