This content is not available in your region

Crisi ucraina, volontari occidentali per supportare Kiev contro Mosca

Access to the comments Commenti
Di Euronews
euronews_icons_loading
Crisi ucraina, volontari occidentali per supportare Kiev contro Mosca
Diritti d'autore  Efrem Lukatsky/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved.

Da quando la Russia ha iniziato a posizionare le sue truppe vicino al confine con l'Ucraina, gli Stati Uniti stanno inviando a est equipaggiamento militare e soldati a sostegno della Nato.
Non solo: chi viaggia verso Kiev spesso non indossa una divisa ufficiale.
È il caso di Justin Dee, volontario americano arruolato con la legione georgiana in Ucraina.

Il volontario americano per l'Ucraina

"Seguo questo conflitto dal 2014, quando la Federazione Russa ha annesso illegalmente la Crimea e da allora li ho visti interferire progressivamente in altri Paesi - dice il volontario - È una vicenda che monta da allora. Ho visto che sta ricominciando, allora ho pensato di venire qui e aiutare il popolo dell'Ucraina".

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha annunciato il dispiegamento di quasi 3.000 soldati nell'Europa orientale, ma Justin Dee segue solo la sua coscienza. Ha viaggiato volontariamente per migliaia di chilometri dalla sua casa di New York per unirsi alla legione georgiana in Ucraina

"Oggi l'Ucraina è la prima linea della lotta per la democrazia, la lotta per l'ideologia occidentale - commenta Dee - Penso che se la Russia dovesse riuscire a sottomettere l'Ucraina, non si vorrà fermarsi. Mosca coninuerà nella sua oppera di sovvertimento e manipolazione. E io sono qui per fermare tutto questo".

Si addestrano i civili, anche occidentali

Justin Dee si è unito alla Legione Georgiana, un'unità di combattenti stranieri presente in Ucraina dal 2014: un organismo che ha iniziato ad attrarre nuovi volontari dopo il rinnovato aumento delle tensioni.

"Una settimana fa abbiamo iniziato un nuovo processo di reclutamento di stranieri - spiega il comandante della Legione, Mamuka Mamulashvili - ci sono molte persone che fanno domanda. Tra i Paesi, il capofila è la Georgia. Abbiamo più di 300 candidati da lì. Poi ci sono gli Stati Uniti, il Regno Unito, l'Australia, l'Italia, la Germania. Questi sono i principali Paesi dai quali arrivano i volontari ".

Il Ministero della Difesa ucraino non commenta ufficialmente il numero di stranieri attualmente arruolati nelle forze armate del Paese. I soldati dicono che si tratta di un trend e che vorrebbero vedere in via gli occidentali impegnati sul campo in via uffiiale. Molti sono comunque felici di queste nuove adesioni alla causa.

Anche il volontario Justin Dee si aspetta che altri si uniscano alla Legione: "Spero che la mia presenza qui sia un esempio perché il mondo non se ne stia con le mani in mano e perché i cittadini siano pronti ad agire, anche se i loro governi non vogliono difendere ciò che è giusto".

L'addestramento dei civili si svolge tre giorni alla settimana per quattro ore. Secondo il comandante Mamulashvili, fino a 3.000 volontari saranno formati nella capitale.