Shoah: 15mila ebrei austriaci in fuga da Trieste a Shanghai

Il Piccolo, da 1938 al '40 scapparono da nazismo su navi Lloyd
Il Piccolo, da 1938 al '40 scapparono da nazismo su navi Lloyd
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - TRIESTE, 23 GEN - Dal porto di Trieste oltre 15 mila ebrei riuscirono a sfuggire alle persecuzioni naziste imbarcandosi, tra il 1938 e il 1940, sui transatlantici del Lloyd Triestino diretti a Shanghai. Si trattava soprattutto di cittadini austriaci. E' una vicenda della storia poco nota, riepilogata oggi dal quotidiano Il Piccolo che la pubblica in due pagine corredata da foto d'epoca e da brevi schede dei personaggi. L'esodo comportò, in Cina, alla nascita del cosiddetto Ghetto di Shanghai, rifugio in Oriente dal nazismo per ebrei che, terminata la Seconda Guerra Mondiale, migrarono negli Stati Uniti, in Canada, Australia e Israele. La vicenda, in occasione del Giorno della Memoria (27 gennaio), viene ricordata, scrive Il Piccolo, dall'Istituto italiano di Cultura di Vienna, con il convegno "Vienna-Trieste-Shanghai". E' soltanto l'inizio di un progetto più ampio che potrebbe trasformarsi anche in una mostra all'Ambasciata italiana a Vienna, in collaborazione con Museo della Comunità ebraica di Trieste Carlo e Vera Wagner e l'associazione Italian Liners. Il Piccolo sostiene che questo è l'obiettivo di Stefano Beltrame, ambasciatore italiano a Vienna, già Console generale d'Italia a Shanghai dal 2013 al 2018. Proprio Beltrame spiega dalle colonne del quotidiano che la vicenda è "un capitolo molto conosciuto in Austria e in Cina, quasi per nulla in Italia". Anche perché "le operazioni di imbarco degli ebrei in fuga sulle navi del Lloyd per un periodo furono segrete, o meglio, non venivano pubblicizzate, visto che Mussolini aveva annunciato le leggi razziali, proprio a Trieste nel settembre del 1938". L'ambasciatore sottolinea che "ci fu chi denunciò l'operazione a Trieste dopo il '38, ma da Roma venne l'ordine di non sollevare il caso e lasciare che proseguissero gli imbarchi, che poi si estesero anche a Genova". Viene infine segnalato il ruolo avuto dal console cinese a Vienna, Ho Feng Shan, che rischiò la vita e la carriera per salvare migliaia di ebrei concedendo via libera in grande quantità. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Stati Uniti: la Camera approva gli aiuti all'Ucraina per 61 miliardi di dollari

Gaza: Erdoğan incontra Ismail Haniyeh e il ministro degli Esteri egiziano a Istanbul

Migranti, i Paesi europei del Mediterraneo chiedono cooperazione e nuovi fondi