This content is not available in your region

Novak Djokovic rischia fino a cinque anni di carcere. False dichiarazioni e non solo

Access to the comments Commenti
Di Cristiano Tassinari  & Euronews Sport - Agenzia e siti internazionali
euronews_icons_loading
Nuovi grattacapi per Djokovic.
Nuovi grattacapi per Djokovic.   -   Diritti d'autore  Mark Baker/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved

Le cose si complicano Per Novak Djokovic. Il campione serbo potrebbe rischiare fino a cinque anni di carcere in Australia e tre anni di squalifica.
Carriera finita.

Secondo quanto riporta la stampa locale, le autorità australiane stanno analizzando i punti discordanti e le discrepanze che sono emerse nelle informazioni fornite da Djokovic.

Il campione di tennis ha ammesso di aver violato la quarantena a dicembre in Serbia con uscite pubbliche mentre era positivo al Covid e di aver effettuato attraverso un membro del suo staff un'errata dichiarazione di viaggio per l'ingresso in Australia.

False dichiarazioni, incongruenze sulla data del test per il Covid. L’indagine del dipartimento degli Affari Interni sulla star del tennis si sta ampliando. Il campione si è allenato sul campo di Melbourne Park, ma con la testa difficilmente sgombra da pensieri che ora diventano dei veri e propri grattacapi.

Primo errore: l'intervista

In attesa dell'inizio degli Australian Open (17 gennaio) e dell'autorizzazione a restare in Australia, il 34enne tennista serbo, sul suo profilo Instagram, ha scritto un lungo post dove denuncia la "disinformazione" attorno al suo caso e, in particolare, sulla presunta violazione delle regole di isolamento, dopo essere risultato positivo il 16 o 17 dicembre (la data - misteriosamente - non è certa).

Djokovic ha, peraltro, confermato di aver concesso, il 18 dicembre, un'intervista al quotidiano francese L'Equipe, alla presenza di un cronista e di un fotografo, sapendo di essere positivo e, quindi, avrebbe dovuto essere in quarantena.

"Concedere l'intervista a L'Equipe è stato un errore".
Novak Djokovic

Secondo errore: documento sbagliato

Lo stesso Djokovic ha ammesso che nella compilazione del suo documento di ingresso in Australia è stato commesso un errore, da parte del suo agente.
Sul modulo è stato dichiarato che Djokovic non aveva viaggiato nei 14 giorni precedenti il suo arrivo in Australia, quando in realtà - da Montecarlo, dove vive - ad inizio gennaio era stato in Spagna, a Marbella, e in Serbia, a Belgrado.
L'agente di Djokovic avrebbe sbarrato la casella sbagliata...

Tutto questo dopo che la Border Force australiana - l'autorità locale per l'immigrazione - ha annunciato che sta indagando su una possibile "falsa dichiarazione" di Djokovic, che sarebbe un utile pretesto per la cancellazione del visto.

"Abbiamo fornito informazioni aggiuntive al governo australiano per chiarire la questione".
Novak Djokovic

Terzo errore: test manomesso?

Sul famoso e ormai famigerato test, il giornale tedesco "Der Spiegel" ha raccontato di presunte anomalie tra la versione cartacea del risultato (positivo) del test molecolare e la versione digitale (dove, invece, è negativo) dello stesso test, presentata dagli avvocati di Djokovic.
Un evidente caso di manomissione?

Mark Baker/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved
Riposo e riflessioni per Novak Djokovic alla Rod Laver Arena di Melbourne.Mark Baker/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved