This content is not available in your region

Kazakhstan: polizia autorizzata a sparare sulla folla

Access to the comments Commenti
Di Eloisa Covelli  Agenzie:  Afp, Ap
euronews_icons_loading
Kazakhstan: polizia autorizzata a sparare sulla folla
Diritti d'autore  Vladimir Tretyakov/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved

Ancora tafferugli ad Almaty questo venerdì mattina, anche se secondo il presidente kazako la calma è stata riportata in gran parte del paese, dopo i disordini dei giorni scorsi.

Il presidente Kassym Jomart Tokayev ha dato ordine di sparare sui rivoltosi. Cosa che peraltro la polizia aveva già fatto nella protesta di mercoledì causando decine di morti tra i manifestanti.

"L'ordine e la legge garantiscono il benessere del nostro paese. E non soltanto nel Kazakhstan ma in tutti i paesi civili. Questo non è un attacco ai diritti civili e alle libertà. Al contrario, come dimostra la tragedia di Almaty e delle altre città kazake è la non osservanza della legge, l'anarchia che porta a una violazione dei diritti umani" ha detto il presidente.

La protesta è stata causata dal raddoppio del prezzo del Gpl, in un paese produttore di idrocarburi. A nulla è valso il tentativo successivo di calmierare i prezzi.

AP/AP
L'arrivo delle truppe russe nell'aeroporto kazakoAP/AP

Il presidente kazako ha chiesto aiuto agli alleati ex sovietici. La Russia ha mandato le sue truppe già mercoledì notte. Ma la mobilitazione delle ex repubbliche societiche legate dal Trattao di sicurezza collettivo è generale e le immagini del dispiegamento militare verso il Kazakhstan impressionanti.

Il portavoce del ministero della Difesa Kazako, Igor Konashenkov, ha precisato che si tratta di una missione di peace keeping e tale vuole restare.

"Al momento l'aeroporto di Almaty è presidiato in collaborazione con le forze dell'ordine kazake. Il consolato generale della Federazione russa è stato messo in sicurezza, insieme ad altri importanti siti. Le forze di pace dei Paesi alleati stanno aiutando le forze dell'ordine del Kazakistan a mantenere la legge e l'ordine".

Vladimir Voronin/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved
La protesta in Kirghizistan a sostegno dell'opposizione kazakaVladimir Voronin/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved

Il dispiegamento militare di queste ultime ore non è passato inosservato alla Casa Bianca che solleva dubbi sulla legittimità dell'intervento.  

Questo venerdì a Bishkek in Kirghizistan si è tenuta una protesta a sostegno dell'opposizione kazaka e contro l'invio delle truppe a supporto di Tokayev.

La cronistoria delle proteste

La protesta è iniziata il 2 gennaio

I manifestanti, furiosi per l'aumento del prezzo del Gpl, sono scesi in piazza a Janaozen (regione di Mangystau, ovest).

Le manifestazioni, rare in questo paese autoritario dell'Asia centrale, si sono poi estese ad Aktau, nel capoluogo della regione, sulle rive del Mar Caspio.

4 gennaio

Il presidente Kassym Jomart Tokayev, al potere dal 2019, esorta la popolazione a “essere prudente” e “a non cedere alle provocazioni”. In serata le autorità concedono una riduzione del prezzo del Gpl, ma la protesta continua.

Una manifestazione raduna migliaia di persone ad Almaty, la capitale economica, al grido di "Dimissioni del governo" e "Il vecchio fuori", in riferimento all'ex presidente Nursultan Nazarbaiev, mentore dell'attuale capo di Stato e ancora molto influente.

Il presidente decreta lo stato di emergenza ad Almaty, nella provincia di Mangystau, così come nella capitale Nur-Sultan dal giorno successivo, con coprifuoco notturno. WhatsApp, Telegram e Signal sono inaccessibili.

5 gennaio

Il presidente liquida il governo. Il vice primo ministro Alikhan Smailov diventa premier ad interim. Nella notte tra il 4 e il 5 centinaia di persone vengono arrestate.  Migliaia di manifestanti prendono d'assalto il municipio di Almaty. Quindi si dirigono verso la residenza presidenziale, alla quale danno fuoco, e occupano l'aeroporto.

Il presidente promette una risposta dura alle manifestazioni e annuncia che assumerà la presidenza del Consiglio di sicurezza, fino ad allora detenuto dal suo predecessore. Internet e le chat sono bloccate.

La Russia chiede di risolvere la crisi attraverso il "dialogo". Washington e l'l'Unione europea chiedono alle autorità kazake moderazione.  Lo stesso giorno, lo stato di emergenza viene esteso a tutto il Paese, mentre le proteste si trasformano in sommossa.

Il presidente chiede aiuto a Mosca e ai suoi alleati, attribuendo i disordini a "terroristi" addestrati all'estero.

6 gennaio

Mosca ei suoi alleati della Collective Security Treaty Organization (Csto), un'alleanza tra ex repubbliche sovietiche, inviano una "forza collettiva di mantenimento della pace". Composto da truppe russe, bielorusse, armene, tagike e kirghise, è responsabile della "protezione delle installazioni statali e militari" e dell'aiuto alle forze di sicurezza kazake.

Lo stesso giorno, la polizia indica di aver ucciso "decine" di manifestanti che hanno cercato di sequestrare edifici amministrativi e stazioni di polizia. Il governo calmiera il prezzo del carburante per sei mesi.

Sempre il 6, Francia, Regno Unito, Stati Uniti, Onue Unuione europea hanno manifestato le proprie preoccupazioni.

7 gennaio

Il presidente Tokayev annuncia di aver “ordinato alla polizia e all'esercito di sparare sui rivoltosi, qualificando assurde le chiamate della comunità internazionale a negoziare con i manifestanti.

Il ministero dell'Interno kazako comunica che negli scontri sono stati uccisi 26 "criminali armati". La polizia segnala 18 morti tra gli agenti. Secondo i media, più di 3mila persone sono state arrestate in tutto il paese.