This content is not available in your region

Europa a geometria variabile nella prevenzione del covid

Access to the comments Commenti
Di euronews
euronews_icons_loading
Europa a geometria variabile nella prevenzione del covid
Diritti d'autore  P Photo/Markus Schreiber

Nelle concitate sedute del loro parlamento i politici francesi si accaniscono sui distinguo legislativi per valutare l'obbligatorietà o meno del vaccino anti-covid-19 per coloro che frequentano ristoranti e trasporti pubblici. L'urgenza delle decisioni da prendere è data dai 332.000 nuovi casi di covid in un solo giorno. Intanto bisogna far fronte anche alle reazioni di una parte dell'opinione pubblica rispetto alle perentorie affermazioni del presidente Macron che si è scagliato contro i novax.

Le parole di Macron interpreti della maggior parte dei francesi

"Le parole del presidente della Repubblica mi sembrano ben lontane dalla rabbia di una stragrande maggioranza di francesi di fronte a questa scelta di opporsi al vaccino. Quando si parla con i francesi oggi, molti sostengono che coloro che scelgono di non vaccinarsi non dovrebbero nemmeno essere curati": dichiara Gabriel Attal, portavoce del governo francese.

Italia all'avanguardia

Anche l'Italia sta registrando un numero elevato d'infezioni dovute alla variante Omicron. Mercoledì il governo ha sostenuto una misura che rende obbligatorie le vaccinazioni per gli over 50 mettendo il paese all'avanguardia in Europa nel reprimere chi si rifiuta di farsi la vaccinazione.

Regno Unito, alleggerimento delle misure di quarantena

La Gran Bretagna invece è in controtendenza con l'alleggerimento delle misure anti-covid in relazione ai test alla partenza e all'arrivo dagli scali nazionali fino all'addolcimento della quarantena all'arrivo che finisce appena ci si negativizza. Per i residenti in Inghilterra la quarantena può arrivare ad un massimo di tre settimane.

La Germania e la paura della paralisi delle attività fondamentali

In Germania, per il timore di paralisi nelle attività lavorative importanti, si propone di accorciare i periodi di auto-isolamento. I vaccinati hanno facoltà di uscire dall'isolamento dopo l'infezione nel giro di soli cinque giorni quando il loro test PCR risulta negativo .