EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Un Capodanno primaverile. Poca neve a bassa quota e temperature sopra la media

Un Capodanno primaverile. Poca neve a bassa quota e temperature sopra la media
Diritti d'autore Matthias Schrader/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved
Diritti d'autore Matthias Schrader/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved
Di Debora Gandini
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Aumento delle temperature, clima mite, poca neve a bassa quota e piogge. Un inverno insolito dicono gli esperti. La colpa è dei cambiamenti climatici

PUBBLICITÀ

Siamo in pieno inverno ma il clima mite registrato in molte zone della Francia e non solo sta creando qualche problema alla stagione sciistica. Per il weekend di capodanno le previsioni danno sole e caldo in arrivo.. Con temperature sopra la media stagionale. Nelle regioni a nord della Senna si prevedono addirittura 15°C - 17°C.

C’è chi non si lamenta affatto di questo inverno un po’ pazzo. Anzi molti francesi, come questo signore, sono felici che ci sia bel tempo e caldo. L’ideale per passeggiate e pranzi all’aperto e un drink sulle terrazze. Soddisfatti del tempo clemente anche i gestori dei ristoranti alle prese con l’impennata di contagi da Covid-19. "E’ una settimana bellissima, dice un ristoratore. La gente può stare un po’ all’aria aperta nonostante tutto quello che sta succedendo in questo momento."

Meno felici gli sciatori che dopo la chiusura forzata degli impianti lo scorso anno ora fanno i conti non solo con il virus. Secondo le previsioni il clima mite minaccia di rovinare l’inizio della stagione sulle piste. A Grindelwald, in Svizzera, al posto della neve è comparsa la pioggia. Mentre il numero dei turisti è diminuito. Altre località a bassa quota hanno dovuto chiudere molti impianti nel periodo natalizio. Una situazione non proprio idilliaca per un settore che ha già sofferto abbastanza.

Anche in Savoia a quota 2000 metri a preoccupare sono le piogge che rischiano di far sparire la neve fresca e leggera. Condizioni non ideali per la settimana più affollata dell'anno per i resort. Mentre si cerca di sparare neve artificiale, c’è chi preferisce optare per altri posti. Secondo gli esperti poi non è da sottovalutare il rischio valanghe.

Anche in Italia nei prossimi giorni si prevedono nuove piogge e forti sui versanti tirrenici. Quota neve intorno ai 1.000 metri sulle Alpi, intorno a 1.600 sugli Appennini. E poi un rialzo della colonnina di mercurio, decisamente insolito per il periodo.

Sarà dunque un capodanno anomalo questo, non solo per la pandemia. Ma anche per il caldo anomalo in arrivo, con nevicate solo sopra i 2500 metri. Non resta che prenderla con filosofia e brindare comunque con un sorriso.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Da Sidney a Auckland: ecco i video della festa per l'arrivo del 2022

Nuova Caledonia: rimpatriati i turisti, sette i morti per gli scontri nell'arcipelago

Proteste in Nuova Caledonia, arrivato Macron: la visita del presidente "senza limiti di tempo"