This content is not available in your region

Figli di genitori dello stesso sesso avranno stessi diritti in tutta la UE

Access to the comments Commenti
Di Euronews
Figli di genitori dello stesso sesso avranno stessi diritti in tutta la UE
Diritti d'autore  Vadim Ghirda/Copyright 2018 The Associated Press. All rights reserved.

La Corte Suprema della Unione Europea ha stabilito che i genitori dello stesso sesso e i loro figli devono essere riconosciuti come una famiglia in tutti gli Stati membri. Martedì, in una storica sentenza, la Corte di giustizia europea (CGUE) ha affermato che se un paese riconosce una relazione genitoriale con un bambino, allora ogni stato membro dovrebbe fare lo stesso per garantire il diritto del bambino alla libera circolazione.

Il caso è giunto dinanzi al tribunale dopo che le autorità bulgare si sono rifiutate di fornire un certificato di nascita alla figlia neonata di una coppia dello stesso sesso sulla base del fatto che un bambino non può avere due madri. La bulgara Kalina Ivanova e la britannica Jane Jones, nata a Gibilterra, sono entrambe registrate come madri di Sara, nata in Spagna nel 2019.

Nessuno dei genitori è di origine spagnola, il che significa che la cittadinanza in quel paese non è consentita e in base al British Nationality Act del 1981, Jones non può trasferire la cittadinanza britannica a sua figlia poiché è nata a Gibilterra. Su questa base, Ivanova ha chiesto la cittadinanza bulgara per sua figlia, che è stata successivamente respinta in quanto matrimoni e unioni tra persone dello stesso sesso non sono legalmente riconosciuti in Bulgaria.

Di conseguenza, Sara è a rischio di diventare un apolide incapace di lasciare il paese di residenza della sua famiglia, la Spagna, così come senza documenti personali. Questo limiterebbe il suo accesso all'istruzione, all'assistenza sanitaria e alla sicurezza sociale.

La CGUE ha stabilito invece che alla bambina dovrebbe essere rilasciato un passaporto bulgaro.

Intervenuto martedì a seguito della sentenza, Arpi Avetisyan, responsabile del contenzioso presso l'ONG ILGA-Europe, ha dichiarato: "La sentenza ha portato il tanto atteso chiarimento sul fatto che la genitorialità stabilita in uno Stato membro dell'UE non può essere scartata da un altro, con il pretesto di proteggere l'identità nazionale. Questa è una vera testimonianza del fatto che l'UE è un'unione di uguaglianza e non vediamo l'ora che le famiglie arcobaleno godano del loro diritto alla libertà di movimento e di altri diritti fondamentali su un piano di parità con chiunque altro. È importante che la sentenza sia attuata a breve, non solo per la piccola Sara e la sua famiglia, ma anche per altre famiglie che affrontano difficoltà simili in tutta l'UE".

Le due madri hanno salutato in un comunicato "un enorme passo avanti per tutte le famiglie LGBT+ in Bulgaria e in Europa".

Questa "decisione avrà un effetto sulla vita di 100.000-150.000 bambini in tutta l'UE", ha reagito su Facebook l'associazione bulgara per la difesa dei diritti LGBT+ Deystvie.

Il caso non può essere impugnato.