EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Milano, ovazione per Macbeth e Mattarella alla Prima della Scala

La Scala - Milano
La Scala - Milano Diritti d'autore MIGUEL MEDINA/AFP or licensors
Diritti d'autore MIGUEL MEDINA/AFP or licensors
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

La Prima della rinascita post Covid alla Scala di Milano: applausi per il Macbeth di Verdi e per il Capo dello Stato, Sergio Mattarella, accompagnato dalla figlia Laura

PUBBLICITÀ

Il sipario è tornato a rialzarsi: un applauso catartico, riconoscente per chi sta al timone della nave, il Capo dello Stato Sergio Mattarella, accompagnato dalla figlia Laura.
5 minuti di ovazione, che potrebbero essere gli ultimi da Presidente ad una Prima della Scala, seguiti dalle note dell'inno d'Italia.

AP
Mattarella con la figlia Laura alla ScalaAP

La rinascita post Covid passa dalla musica di Verdi: è il Macbeth ad inaugurare la stagione lirica per la settantesima Prima dell'istituzione milanese.

''Ci regalate una grande interpretazione" ha detto il presidente Mattarella agli orchestrali, che - al termine dell'apprezzata performance - sono stati a loro volta accolti da 12 minuti di applausi.

Il ritorno alla normalità è un galà accorto: in teatro mascherine e green pass. Poco spazio alle consuete proteste, contro la gestione della pandemia del governo Draghi e i brevetti dei vaccini. Restano fuori e sono pochi.

In sala sono 2mila gli spettatori. "Arrivare a fare la Prima ha del miracoloso" aveva sottolineato il sovrintendente Dominique Meyer alla presentazione dell'evento.
Meyer ha ribadito  sforzo collettivo per riuscire a mettere in scena una produzione di questo livello e difficoltà nonostante una pandemia che da due anni impone regole che rendono un lavoro come questo davvero complicatissimo.

La modernità del Macbeth

"Macbeth", basato sull'omonima tragedia di William Shakespeare, un intrigo di amore, odio e brama di potere, in una messa in scena scandita dagli effetti speciali di Davide Livermore, è stato magistralmente diretto da Riccardo Chailly, calorosamente applaudito.

"Volevamo dimostrare la modernità quasi abrasiva del Macbeth, con una freschezza, una teatralità, che a volte è persino allarmante", spiega il direttore musicale della Scala.

Lady Macbeth spinge il marito a commettere molteplici omicidi per ottenere il potere. La protagonista shakespeariana è stata interpretata dal soprano Anna Netrebko, la cui voce espressiva con le sue abbaglianti note alte ha entusiasmato il pubblico in un'atmosfera di angoscia e mistero.

Nel ruolo di Macbeth, il baritono Luca Salsi - la cui voce sembra fatta su misura per il repertorio verdiano - ha incantato il pubblico. Macbeth è il più affascinante e complesso dei personaggi di Verdi", ha detto, evocando "una storia contemporanea di potere e sangue".

L'ambientazione onirica è monumentale, evocando a volte un panorama di grattacieli tipici delle grandi città americane, a volte un gigantesco labirinto, metafora dei percorsi tortuosi attraverso i quali vagano le menti dei protagonisti.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Gli spettacoli della Scala fuori dal teatro e gratuiti

Tre leggende in una serata: Riccardo Muti alla Scala dirige la Filarmonica di Vienna

La Scala, riapertura al pubblico con 2 concerti destinati alla storia