This content is not available in your region

Barcellona, anche un neonato tra le vittime dell'incendio in una ex banca occupata

Access to the comments Commenti
Di Euronews  Agenzie:  Afp
L'edificio andato in fiamme a Barcellona
L'edificio andato in fiamme a Barcellona   -   Diritti d'autore  Luke Hurst/ Euronews

Ci sono anche un neonato e un bambino di tre anni tra le vittime dell'incendio che questo martedì mattina è divampato in uno squat (un edificio occupato a scopo abitativo) nel centro di Barcellona.

A riferirlo sono ​stati i pompieri della metropoli spagnola. Le vittime sarebbero quattro in tutto "due adulti, un neonato e un bimbo di tre anni" ha detto alla stampa Ángel López, responsabile dell'operazione per i vigili del fuoco, aggiungendo che l'incendio è ormai spento.

Il locale, dove l'incendio è divampato intorno alle 6 del mattino, "è un ex sportello bancario occupato" in piazza Tetuan, ha aggiunto López, senza fornire ulteriori dettagli sulle vittime.

Altre quattro persone che vivevano nell'edificio sono riuscite a sfuggire alle fiamme e sono state trovate in un cortile dai vigili del fuoco, ha detto.

Le autorità non hanno specificato la nazionalità delle vittime.

"Non ci sono parole per descrivere l'orrore della morte di queste quattro persone, compresi due bambini piccoli. Questo è qualcosa che non dovrebbe mai accadere", ha detto Ada Colau, sindaco della città, mentre visitava la scena.

Senza specificare se le vittime appartenessero alla stessa famiglia, Colau ha detto che le persone nei locali vivevano in "condizioni molto precarie".

Sul posto sono intervenuti numerosi agenti di polizia e vigili del fuoco. I soccorritori entravano e uscivano da un edificio bruciato, la cui facciata era ricoperta di graffiti,.

"Erano intrappolati"

"C'era molto fumo e al piano di sotto, nei locali trasformati in squat" ha raccontato, ancora sconvolto, Miquel Guimera, 41 anni, che vive appena sopra l'ex filiale della banca al primo piano.

"Siamo usciti, abbiamo chiamato i vigili. Tutto ciò che è successo dalle 5:50 è stato traumatico", ha continuato, aggiungendo di aver sentito una rissa scoppiare intorno alle 2 di notte.

Ada Colau ha detto che le autorità erano a conoscenza di "problemi di convivenza" e che la polizia era intervenuta all'indirizzo in diverse occasioni.

Ha aggiunto che la causa dell'incendio al momento resta sconosciuta.

Interrogato sulle motivazioni dell'incendio, il ministro dell'Interno regionale, Joan Ignasi Elena, ha confermato alla stampa che la polizia catalana era effettivamente intervenuta "la scorsa notte per incidenti legati a problemi di convivenza, contenziosi", ma ha rifiutato di stabilire un nesso di causalità con il fuoco