This content is not available in your region

Papa: "Accogliere significa aprire la porta e permettere a chi bussa di entrare"

Access to the comments Commenti
Di Cinzia Rizzi  Agenzie:  ANSA
Papa Francesco abbraccia un partecipante, all'interno della Basilica di Santa Maria degli Angeli, Assisi
Papa Francesco abbraccia un partecipante, all'interno della Basilica di Santa Maria degli Angeli, Assisi   -   Diritti d'autore  Riccardo De Luca/Riccardo De Luca

È stato accolto dalla folla ad Assisi Papa Francesco, in visita nella città umbra per incontrare 500 poveri provenienti da tutta Europa, in occasione della quinta Giornata mondiale a loro dedicata, che si celebra questa domenica. 

Il pontefice ha percorso a piedi la piazza antistante la Basilica di Santa Maria degli Angeli, soffermandosi con alcuni dei fedeli in attesa. Prima del discorso del Pontefice, sono intervenuti in Chiesa alcuni presenti, che hanno raccontato la propria esperienza di povertà o di volontariato per i meno abbienti. Tra loro una giovane coppia francese, che ha raccontato la sua esperienza di volontariato nelle banlieues parigine; un ex detenuto spagnolo, riuscito a rimettersi sulla buona strada grazie all'incontro con un sarcedote e ex tossicodipendente polacco.

"Ecco l'espressione più evangelica che siamo chiamati a fare nostra: accoglienza", ha detto il Pontefice dall'altare. "Accogliere significa aprire la porta, la porta della casa, la porta del cuore e permettere a chi bussa di entrare e che sentirsi a suo agio, non in soggezione, ma a suo agio, sentirsi libero. Dove c'è un vero senso di fraternità, lì si vive anche l'esperienza sincera dell'accoglienza. Dove invece c'è la paura dell'altro, il disprezzo della sua vita, allora nasce il rifiuto o peggio l'indifferenza".

Papa Francesco ha anche chiesto che si fermi la violenza su donne e bambini, in particolare per quelli "affamati, ridotti in schiavitù, sballottati dalle acque in preda al naufragio". "È tempo che si spezzi il cerchio dell'indifferenza, per ritornare a scoprire la bellezza dell'incontro e del dialogo. È tempo dell'incontro: se non torniamo ad incontrarci andremo incontro ad una fine molto triste", le parole del Pontefice.

Video editor • Cinzia Rizzi