Europa, quarta ondata di Covid 19 in arrivo, troppo pochi i vaccinati

Europa, quarta ondata di Covid 19 in arrivo, troppo pochi i vaccinati
Diritti d'autore Kristopher Radder/AP
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

In Germania, Austria e Russia dati preoccupanti. In vista nuovi lockdown e allo studio iniziative per incentivare le vaccinazioni che non decollano

PUBBLICITÀ

La Germania si sta preparando per la quarta ondata della pandemia di Covid-19 e i legislatori stanno discutendo nuove misure per affrontare la crisi.

Con il paese che vede un numero record di infezioni, il probabile futuro cancelliere Olaf Scholz sostiene una spinta verso una maggiore diffusione del vaccino.

"I centri di vaccinazione dovrebbero essere riaperti in tutto il paese e più cittadini dovrebbero essere incoraggiati a vaccinarsi contro il nuovo coronavirus, visto il preoccupante aumento delle infezioni".

La situazione è critica anche in Alta Austria dove torna la serrata. È infatti la zona del paese che conta  il maggior numero di nuove infezioni a fronte del più basso tasso di vaccinazione.

Nuove misure dunque per i residenti non vaccinati che dovranno rimanere a casa e saranno liberi di circolare solo ed esclusivamente per le attività considerate essenziali, mentre le persone che sono già state vaccinate saranno nuovamente costrette ad  indossare mascherine  in occasione della maggior parte delle attività pubbliche.

Non va meglio in Russia dove si registra un aumento dei casi e dei decessi . Le autorità di Mosca hanno deciso di offrire test rapidi in alcune stazioni della metropolitana nel tentativo di controllare la rapida diffusione del virus. Il livello dei vaccinati nel paese è molto basso, intorno al  40% della popolazione.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Covid 19: verso la quarta dose di vaccino per over 60 e fragili

Austria, maniere forti contro il covid e per i no-vax

Russia e Croazia nella bufera Covid: intensive quasi sature