This content is not available in your region

Crescita, Bruxelles rivede le stime al rialzo

Access to the comments Commenti
Di euronews
euronews_icons_loading
Crescita, Bruxelles rivede le stime al rialzo
Diritti d'autore  Michael Probst/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved

La Commissione europea ha rivisto al rialzo le previsioni di crescita per i 19 paesi della Zona Euro. Secondo Bruxelles il periodo peggiore della pandemia è alle spalle, e ci si può ragionevolmente aspettare un ritorno progressivo alle attività. Le stime per l'intera Unione europea descrivono un autunno in ripresa, prevedendo un +5% nel 2021 e un +4.3% nel 2022.

Uno scenario che tuttavia dipende da almeno due fattori, al momento non pienamente sotto il diretto controllo dei decisori politici. Il primo è l'evoluzione della pandemia da covid-19; l'altro riguarda la capacità di adattamento dell'offerta ai rapidi cambiamenti della domanda dopo il riavvio dell'economia.

Illustrando le elaborazio ni dell'Unione, il commissario all'Economia Paolo Gentiloni non ha nascosto i segnali negativi: dall'aumento dei costi per l'energia alle difficoltà di approvvigionamento che pesano su molti settori. "Il forte rimbalzo dell'economia è stato accompagnato da una ripresa dell'inflazione superiore alle aspettative. L'inflazione annuale nella zona euro ha raggiunto il 4,1% in ottobre. Questo rapido aumento riflette la crescita dei prezzi dell'energia e le interruzioni dell'approvvigionamento".

Il differenziale positivo delle stime europee si deve, secondo gli esperti, ai potenziali aumenti di produttività innescati dalla pandemia e dal regime di blocco. Infine, l'inflazione potrebbe risultare più alta, se gli adeguamenti salariali previsti dovessero venire trasferiti sui prezzi al consumo.