EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Lourdes: pedofilia, vescovi francesi riconoscono la responsabilità della Chiesa

AP Photo
AP Photo Diritti d'autore Bob Edme/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved
Diritti d'autore Bob Edme/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

I prelati transalpini, riuniti a Lourdes in assemblea plenaria, pregano in ginocchio davanti alla Basilica del Rosario come gesto di penitenza e chiedono perdono a Dio per gli abusi sessuali nella Chiesa cattolica

PUBBLICITÀ

I vescovi francesi, riuniti a Lourdes in assemblea plenaria, pregano in ginocchio davanti alla Basilica del Rosario come gesto di penitenza e chiedono perdono a Dio per gli abusi sessuali nella Chiesa cattolica.

A seguito delle scabrose verità emerse nel rapporto della Commissione indipendente sugli abusi sessuali nella Chiesa, quanto mai doveroso il confronto tra i prelati, da cui si evince il "riconoscimento della responsabilità istituzionale della Chiesa rispetto alle violenze e della dimensione sistemica" delle stesse.

Bob Edme/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved
AP PhotoBob Edme/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved

"Stamattina non abbiamo chiesto perdono alle vittime - dice François Touvet, vescovo di Chalons - è un problema di rapporto interpersonale tra vescovo e vittima, non possiamo chiedere perdono a persone che non sono ancora in grado di donarlo".

Intanto, nel dipartimento della Vandea si è tenuta una cerimonia religiosa, durante la quale è stata svelata nella cattedrale di Luçon una targa commemorativa per decine di vittime di abusi nella diocesi, a far data dagli anni '40.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Canada, bimbi violati nelle scuole cattoliche: delegazione dal Papa

I tormenti della Chiesa francese sul report pedofilia

Ungheria: gli influencer portano in piazza migliaia di persone contro gli abusi su minori