This content is not available in your region

Israele: Knesset approva la finanziaria. Una vittoria per il premier Naftali Bennett

Access to the comments Commenti
Di Debora Gandini
euronews_icons_loading
Israele: Knesset approva la finanziaria. Una vittoria per il premier Naftali Bennett
Diritti d'autore  AP Photo/Sebastian Scheiner, File

Per la prima volta dal 2018 la Knesset ha approvato la finanziaria. Dopo una notte di dibattiti e discussioni il documento è stato approvato con 61 voti a favore e 59 contrari. Una chiara vittoria per il primo ministro Naftali Bennett che è riuscito a convincere tutti i deputati della neonata coalizione. 

"E' un momento importante per la stabilità e l'economia dello stato. Dopo tre anni e mezzo di disordini, gestione fallimentare e una paralisi del sistema – ha dichiarato il premier israeliano - dopo anni di utilizzo dello stato come strumento di un gioco personale, anni di elezioni che hanno portato a un vicolo cieco, abbiamo ascoltato la voce del popolo israeliano".

Il filo da torcere arriva dall’ex primo ministro Benjamin Netanyahu. "Continueremo a combattere contro questo governo sbagliato - ha detto il leader del Likud. Cercheremo con ogni mezzo di rovesciarlo per riportare Israele sulla retta via e sono sicuro che ci riusciremo, perché alla fine la verità vince sempre sulle menzogne."

Il bilancio riguarda l'anno in corso ed è di 194 miliardi di dollari. Il voto ha rappresentato l'esatta fotografia della divisione tra la composita maggioranza guidata da Bennett e l'opposizione dell'ex premier Netanyah. Ora la Knesset tornerà a riunirsi per l'approvazione della finanziaria 2022. Se la legge sul bilancio non fosse stata approvata entro la metà di novembre, il governo sarebbe caduto, e il Paese sarebbe dovuto andare ad elezioni anticipate, per la quinta volta in tre anni.