This content is not available in your region

Covid, Romania: i pazienti muoiono nelle ambulanze in attesa del ricovero

Access to the comments Commenti
Di Euronews
euronews_icons_loading
Covid, Romania: i pazienti muoiono nelle ambulanze in attesa del ricovero
Diritti d'autore  Andreea Alexandru/The Associated Press.

È un flusso continuo, che non si arresta mai.
La Romania non riesce a fare argine alla nuova ondata di contagi Covid.
Negli ospedali non ci sono abbastanza letti in terapia intensiva per accogliere i casi gravi. Sono state istituite unità mediche esterne di emergenza, ma non è sufficiente a garantire il supporto necessario.

In ambulanza aspettando il ricovero

Le ambulanze vengono spesso utilizzate come sale d'attesa dove i pazienti sono collegati a forniture di ossigeno vitale. Alcuni di loro, che hanno aspettato per giorni, sono morti prima che potessero essere accolti in reparto.

Mihai Polinschi è il portavoce del Dipartimento Ambulanze di Galati: "Siamo di fronte a una situazione disastrosa, simile a un assedio - dice - Non abbiamo affrontato una tale emergenza nelle precedenti ondate della pandemia. A Galati sono morte 18 persone nelle ultime 24 ore ed erano tutte non vaccinate".

Anche Violeta Sapira, medico dell'ospedale di Galati, racconta di una situazione critica: "Siamo di fronte a una valanga di casi, pazienti in gravi condizioni di salute, hanno tutti bisogno di forniture di ossigeno. Abbiamo 70 pazienti nelle stanze di isolamento del Dipartimento di Emergenza".

I numeri dell'emergenza in Romania

Il ministro dell'Interno, Lucian Bode, fotografa la situazione con le cifre: "Se guardiamo i numeri negli ospedali, notiamo che abbiamo una media giornaliera di circa 15.000 persone infette. Abbiamo una media giornaliera, purtroppo, di 300 morti. Ci sono più di 1.700 persone in terapia intensiva e più di 1.900 pazienti nei Pronto Soccorso, di cui circa 300 aspettano che si liberi un letto in terapia intensiva. Siamo riusciti a trasferire 26 pazienti in Ungheria: 17 in terapia intensiva e 9 non in condizioni così gravi, hanno solo bisogno di ossigeno. Ma la situazione dei 17 pazienti è estremamente critica. Purtroppo devo darvi anche una brutta notizia: uno dei 17 pazienti trasferiti in Ungheria è morto".

La situazione critica viene imputata a una campagna di vaccinazione che va a signhiozzo. In attesa di accelerare la somministrazione dei vaccini, il presidente della Romania ha chiesto al governo di reintrodurre misure restrittive.