L'europarlamento si occupa dei diritti degli "invisibili"

L'europarlamento si occupa dei diritti degli "invisibili"
Diritti d'autore Shuji Kajiyama/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved.
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

23 milioni di europei lavorano per piattaforme come Uber o di consegna e debbono avere diritti

PUBBLICITÀ

Consegnano il nostro cibo con la pioggia o con il vento o ci portano in giro ogni volta che li chiamiamo. Le condizioni dei lavoratori delle piattaforme di consegna o come Uber sono sottoposte a un esame sempre più approfondito.

I membri del Parlamento europeo hanno votato a grande maggioranza per chiedere che l'UE garantisca loro ferie adeguate, assistenza sanitaria e diritti.

Tilly Metz - verde lussemburghese:  "Bisogna pensare che ci sono 23 milioni di persone che lavorano per queste piattaforme. Quindi abbiamo bisogno di una regolamentazione chiara per proteggerle. Non considerarle come un'altra classe di lavoratori. Dovrebbero avere gli stessi diritti e non dovremmo iniziare ad avere quelle differenze nell'Unione Europea introducendo uno status in cui non sei un lavoratore autonomo, né un lavoratore dipendente. Abbiamo bisogno di un segnale forte qui".

All'inizio di questa settimana un tribunale olandese ha stabilito che i conducenti di Uber sono dipendenti dell'azienda e meritano relativi diritti.

A maggio, Uber ha rilasciato una dichiarazione in cui affermava che costringerli ad assumere conducenti come dipendenti sarebbe "un enorme compromesso, che toglie praticamente tutti gli aspetti della flessibilità che ha portato molti lavoratori basati su app a scegliere questo tipo di lavoro in primo luogo".

Il voto del Parlamento europeo significa che la Commissione europea elaborerà una direttiva su questo tema. I sindacati dicono che è importante farlo bene.

Ludovic Voet - Segretario Confederale della Confederazione Europea dei Sindacati: "Per noi non c'è nulla di innovativo nel pagare le persone al di sotto del salario minimo, senza protezione sociale e diritti del lavoro. E infatti sono anche le persone che hanno più bisogno di reddito che lavorano per queste piattaforme. Quindi molti giovani entrare nel mercato del lavoro ma anche i più precari, quelli che da tempo vedono la disoccupazione».

Questi lavoratori sono destinati a vedere un importante cambiamento nei loro diritti nell'ambito dell'Unione Europea.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Ue, 150 milioni di euro a Unrwa: continuano indagini sui presunti legami tra l'agenzia Onu e Hamas

Caccia, procedura d'infrazione contro l'Italia: le posizioni di cacciatori e animalisti

Tutela dei minori, procedimento formale della Commissione Ue nei confronti di TikTok