EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

È confermato: morto in un raid dell'esercito francese il leader Isis nel Sahel

È confermato: morto in un raid dell'esercito francese il leader Isis nel Sahel
Diritti d'autore AP Photo
Diritti d'autore AP Photo
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

La conferma in un tweet del presidente Macron: ucciso il leader Isis nel Sahel, Adnan Abu al-Walid al-Sahrawi

PUBBLICITÀ

È con un tweet del presidente francese Emmanuel Macron che la notizia è diventata ufficiale: il capo del sedicente Stato Islamico nel Grande Sahara è stato ucciso.

Le voci sulla morte di Adnan Abu al-Walid al-Sahrawi circolavano da settimane in Mali, anche se non c'erano state conferme da parte delle autorità.

L'uscita social di Macron definisce l'operazione '' un grande successo'' per l'esercito francese dopo più di otto anni di lotta contro gli estremisti nel Sahel.

Nel tweet: "Adnan Abou Walid al Sahraoui, leader del gruppo terroristico Stato islamico nel Grande Sahara, è stato neutralizzato dalle forze francesi. Questo è un altro grande successo nella nostra lotta contro i gruppi terroristici nel Sahel".

Non si conoscono i dettagli e non si sa dove al-Sahrawi è stato ucciso, anche se è informazione nota che il gruppo islamista è attivo lungo il confine tra Mali e Niger.

L'esercito francese ha continuato la lotta contro gli estremisti islamici nella regione del Sahel, dove una volta era la potenza coloniale.

Recentemente la Francia ha annunciato di voler ridurre la sua presenza militare nella regione, con l'obiettivo di ritirare 2.000 soldati entro l'inizio del prossimo anno.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Blindare il Sahel, l'impegno militare del G5 africano e di Francia contro terrorismo fondamentalista

Sahel, sangue e jihad: oltre 200 morti civili in tre giorni

G5 del Sahel, Conte: "Ribadito l'impegno dell'Italia per la stabilità della regione"