Luník IX: la visita di Papa Francesco ha riacceso la speranza nel "ghetto" dei rom

I bambini di Lunik IX.
I bambini di Lunik IX. Diritti d'autore Euronews
Di Euronews - Edizione italiana: Cristiano Tassinari
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Considerata una delle baraccopoli più squallide d'Europa, a Luník IX - il quartiere "ghetto" dei rom, alla periferia di Košice (Slovacchia) - la visita di Papa Francesco ha riacceso, almeno per qualche ora, la speranza. Di un futuro migliore

PUBBLICITÀ

Nel suo viaggio in Slovacchia - terminato oggi con la visita all'antico Santuario della Madonna dei Sette Dolori, a Sastin - Papa Francesco ha esortato la popolazione rom a integrarsi meglio nella società, incontrando nel ghetto di Luník IX, alla periferia di Košice, la minoranza più socialmente esclusa del paese, che tuttora soffre di discriminazione, emarginazione e povertà.

Euronews
In italiano, il benvenuto di Luník IX a Papa Francesco.Euronews

Papa Francesco è stato il primo grande personaggio, la prima grande autorità religiosa, in visita al Luník IX, considerata una delle peggiori baraccopoli d'Europa.

La sua presenza ha richiamato centinaia di persone, in attesa di una parola di conforto da parte del Santo Padre.

"Sento la pace e l'energia da lui", dice una ragazza, che non vive nel quartiere-ghetto.

Euronews
"Sento pace ed energia in Papa Francesco".Euronews

Viaggio al centro della disperazione (e, un po', della speranza)

Eccolo, il Luník IX.
I caseggiati in rovina con le finestre rotte sono lo scenario di questa drammatica storia.
Qui vivono circa 4.300 rom, la comunità piu grande dell'Europa dell'Est.

Anche Papa Francesco ha visitato il quartiere: **nella ricca Unione europea - di cui la Slovacchia fa parte - ci sono esseri umani che vivono ancora in condizioni di estrema povertà e disagio.

La visita di Papa Francesco ha riacceso, almeno per qualche ora, la speranza.
Di una vita migliore.
**

"Serve più integrazione.
La Chiesa è casa vostra".
Papa Francesco

"Sono felice che il Papa si preoccupi per noi e ora il mondo sa che abbiamo bisogno di aiuto, dice un ragazzo intervistato da Euronews. .

Euronews
"Adesso il mondo sa che abbiamo bisogno di aiuto".Euronews

Nessuna via di fuga

La maggior parte degli edifici di Luník IX sono senza elettricità e l'acqua corrente arriva solo poche ore al giorno.

Il 70% dei residenti sono giovani, ma Inga - una ragazza rom che abita nel quartiere - dice che non hanno alcuna possibilità di fuggire, nessuna via di fuga, nessuna alternativa.
Nel migliore dei casi diventano prostitute o manovali, nel peggiore dei casi muoiono per overdose di droga.

"È molto difficile trovare un lavoro, ma quando sentono che siamo di Luník IX, non ci assumono mai", racconta Inga.

E il Covid ha solo peggiorato le cose.
La madre di Inga ci dice che, eccezionalmente, per la pandemia, dal governo slovacco stanno ricevendo 240 euro al mese, ma per 7 membri della famiglia.

Euronews
Inga e la mamma raccontano la loro drammatica situazione.Euronews

Ma quando torna il buio...

Non ci sono progetti di riqualificazione, per il Luník IX.

Molti si aspettavano che il governo slovacco investisse più soldi per "sistemare" il quartiere, ma sono rimasti delusi.

Papa Francesco se n'è andato dopo 40 minuti di una visita straordinaria.
Gli organizzatori hanno iniziato a smontare il palco e, con il buio, a Luník IX, la disperazione è tornata in tutto il quartiere.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Le fotografie "segrete" che raccontano la rivolta del 1943 nel Ghetto di Varsavia

Papa Francesco è a Cipro (poi toccherà alla Grecia): il sogno di Grace e Daniel

Il premier indiano Modi in Vaticano a colloquio col Papa