ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Impacchettato l'Arco di Trionfo parigino, opera postuma di Christo

Access to the comments Commenti
Di euronews
euronews_icons_loading
Impacchettato l'Arco di Trionfo parigino, opera postuma di Christo
Diritti d'autore  Rafael Yaghobzadeh/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved
Dimensioni di testo Aa Aa

Festeggiano le fasi conclusive dell'impacchettamento del parigino Arco di Trionfo i 95 tecnici imbragati come alpinisti che hanno atteso all'opera che era stata progettata dall'artista bulgaro Christo mancato nel maggio 2020. Al coordinamento del lavoro di impacchettamento ha partecipato anche il nipote di Christo Vladimir Yavachev. "Com'è noto - ha detto Yavachev - l'opera era stata completamente progettata da Christo nei minimi dettagli e dovevamo mantenerla così fino al più piccolo dettaglio. È probabile che fra le poche persone che sono al corrente dei dettagli ci sono io perché sono stato con lui per così tanto tempo, abbiamo parlato tantissimo , per questo dovevamo assicurarci che tutto fosse come lo aveva concepito lui".

La massa dei materiali per l'opera

Ci sono voluti due chilometri di corda rossa e centinaia di metri quadrati di tessuto riciclabile in polipropilene color argento-azzurrato per completare l'installazione che resterà sul monumento fino fino al 3 ottobre.

Simbolo di tutte le commemorazioni francesi, l’Arco dell’Étoile in fondo agli Champs Elysées, alto 50 metri, è finito nel mirino dei “land art” Christo e Jeanne-Claude. Già nel 1962 la coppia di artisti aveva firmato un fotomontaggio dell’Arco impacchettato, idea che avevano avuto vedendolo dalla finestra del loro primo appartamento parigino, nella vicina avenue Foch. A Parigi, 36 anni fa Christo aveva impacchettato il Pont Neuf.