ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Afghanistan: almeno sette morti in aeroporto, martedì G7 straordinario

Access to the comments Commenti
Di Euronews Agenzie:  AFP
euronews_icons_loading
La calca fuori dall'Aeroporto di Kabul
La calca fuori dall'Aeroporto di Kabul   -   Diritti d'autore  WAKIL KOHSAR/AFP or licensors
Dimensioni di testo Aa Aa

Una riunione virtuale dei leader del G7 sulla situazione in Afghanistan è stata convocata per martedì: ad annunciarla il premier britannico Boris Johnson.

Il Pentagono chiede l’intervento delle compagnie aree civili per accelerare le operazioni di evacuazione dei cittadini e del personale statunitense dall'Afghanistan.

Dal segretario alla Difesa, Lloyd Austin, giunge notizia dell'attivazione dell'operazione 'Civil Reserve Air Fleet', che prevede l'utilizzo di 18 aerei che trasportino passeggeri già spostati in Paesi terzi.

E mentre Il ministero della Difesa britannico afferma che le Forze armate del Paese hanno già evacuato quasi 4.000 persone dall'Afghanistan, Ahmad Massud - leader della nuova resistenza ai talebani - si dice pronto ad avviare negoziati politici con questi ultimi.

Bilancio catastrofico

Almeno sette persone sono morte nella calca mentre cercavano di accedere all'aeroporto di Kabul - 20 nell'ultima settimana - dove sono in corso le evacuazioni: lo ha riferito il Ministero della Difesa britannico.

Da giorni ormai lo scalo della capitale afghana è assediato da migliaia di persone, che cercano in ogni modo di fuggire dal Paese, nelle mani dei talebani.

L'Unione europea ha ammesso che è "impossibile" evacuare tutti coloro che sono in pericolo sotto il regime dei talebani.

C'è una sola regione che non è caduta nelle loro mani ed è la valle del Panjshir, a nord-est di Kabul.

Qui le forze della resistenza si addestrano, guidate da Ahmad Massoud, figlio del Leone del Panjshir, assassinato nel settembre 2001 da Al-Qaeda.

Già dal 1996 al 2001 la regione fu l'unica a restare fuori dal controllo degli "studenti coranici".

Posti di blocco "ma solo per la sicurezza dei cittadini"

I combattenti talebani che sono entrati a Kabul e in altre città stanno cercando di gudagnarsi la fiducia della popolazione afghana.

Posti di blocco sono stati istituiti per le strade, ma "solo per garantire la sicurezza dei cittadini", fanno sapere.

Rahmat Gul/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved.
Un posto di blocco dei talebani in una strada della capitale afghanaRahmat Gul/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved.

"L'amnistia è stata data a tutti gli ex dipendenti del governo - dice un talebano - i nostri mujahedin non stanno creando loro alcun problema, anzi devono continuare a vivere la loro vita con fiducia.

Stiamo facendo del nostro meglio per garantire la loro sicurezza e quella delle loro case, in modo che nessuno possa disturbarli".

In piazza per gli afghani

Nel frattempo, Londra è stata teatro di un'importante manifestazione contro la presa di potere dei talebani in Afghanistan.

Diverse migliaia di persone sono scese in piazza nel centro della capitale britannica, in solidarietà con il popolo afghano.

Hanno marciato lungo Whitehall oltre Downing Street, residenza e ufficio del Primo Ministro, Boris Johnson.