ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Dall'Unione europea l'impegno ad assistere il popolo afgano

Access to the comments Commenti
Di Euronews
euronews_icons_loading
Briefing sull'Afghanistan
Briefing sull'Afghanistan   -   Diritti d'autore  Euronews
Dimensioni di testo Aa Aa

I ministri degli Esteri dell'Unione europea tengono oggi una riunione d'emergenza per discutere la situazione in Afghanistan.

La priorità dell'Unione è l'evacuazione degli europei e del personale locale afgano. Diversi Paesi stanno schierando aerei militari per riportare a casa i loro cittadini. Ma i funzionari, a Bruxelles, dicono che discuteranno anche i modi per assicurarsi che coloro che sono rimasti in Afghanistan ricevano aiuto.

Sull'assistenza umanitaria fa il punto della situazione il portavoce dell'Unione europea per gli affari esteri e la politica di sicurezza, Peter Stano: "Restiamo impegnati con il popolo afgano. Quindi aiuteremo il popolo afgano, come abbiamo fatto finora. Significa che l'assistenza umanitaria continuerà. Ecco perché stiamo dicendo che è molto importante mantenere l'accesso e stiamo chiedendo a tutte le parti in guerra, specialmente ora a Kabul, di permettere all'assistenza umanitaria di entrare, se possibile".

Ma le modalità di azione non sono ancora chiare.

Come arriveranno gli aiuti e quanto tempo ci vorrà è ovviamente ancora da definire. I funzionari dicono che non avranno fretta quando si tratterà di decidere se i talebani siano un partner potenziale di cui ci si può fidare per la tutela dei diritti umani e le libertà, che il popolo afghano ha combattuto così duramente per ottenere.

L'Unione europea ha un'importante leva qui: il suo generoso aiuto nel finanziare programmi di sviluppo per l'Afghanistan. Bruxelles ha erogato a Kabul 1,4 miliardi di euro per progetti dal 2014-2020.

Ma, mentre i leader politici si riuniscono virtualmente per elaborare una strategia per affrontare quest'ultima crisi, migliaia di persone in Afghanistan dicono che il tempo non è dalla loro parte.