EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Un altro anno nero per gli incendi in Brasile

Un altro anno nero per gli incendi in Brasile
Diritti d'autore AP / Andre Penner
Diritti d'autore AP / Andre Penner
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

L'Amazzonia sta andando in fumo, ma Bolsonaro minimizza

PUBBLICITÀ

Un'altra stagione di incendi per il Brasile. Il mese di luglio appena passato è stato il peggiore degli ultimi anni. Gli incendi sono spesso di origine dolosa, causati dall'avidità di chi vuol sfruttare i terreni protetti a fini commerciali. Il Brasile infatti ospita la più grande foresta pluviale e le zone umide tropicali del mondo, l'Amazzonia e il Pantanal, che hanno subito incendi drammatici rispettivamente nel 2019 e nel 2020. Il presidente Bolsonaro minimizza i danni, questa sua reazione ha fatto scatenare l'ira di tutta la comunità internazionale.

Gli incendi tendono ad aumentare a giugno e raggiungere il picco a settembre, secondo i dati storici. Possono facilmente perdere il controllo durante la stagione secca, radere al suolo vaste aree di foresta.

Quest'anno è la savana del Cerrado che si estende nella regione centro-occidentale del Brasile a soffrire più del solito. Un'area grande quasi quanto il Connecticut e il New Jersey lì è stata bruciata nei primi sette mesi del 2021.

Gli studi hanno mostrato che l'Amazzonia assorbe circa 2 miliardi dei 40 miliardi di tonnellate di anidride carbonica che il mondo emette nell'atmosfera ogni anno, rendendola una parte essenziale dello sforzo globale per frenare il cambiamento climatico.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Brasile: caccia ai cercatori d'oro illegali, bruciate le loro barche in Amazzonia

Rio de Janeiro: pandemia "sotto controllo", spiagge prese d'assalto

Perché fa così caldo?