"Innocence”: l'ultimo capolavoro della compositrice finlandese Kaija Saariaho

"Innocence”: l'ultimo capolavoro della compositrice finlandese Kaija Saariaho
Diritti d'autore Arte-camera lucida / Festival d'Aix-en-Provence
Di Debora Gandini
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Un successo di pubblico e critica per l'ultimo lavoro della compositrice finlandese Kaija Saariaho. “Innocence” ha incantato il Festival Internazionale d’Aix-en-Provence

PUBBLICITÀ

Una prima mondiale che ha incantato il Festival Internazionale di musica d’Aix-en-Provence nel sud della Francia. Sotto i riflettori è andata in scena “Innocence” l'ultima opera della compositrice finlandese Kaija Saariaho. Una storia quanto mai attuale che affronta temi come bullismo, sensi di colpa, segreti di famiglia tra inganni e innocenza.

"Questo è un festival di musica lirica con un programma molto diversificato, ci spiega Jérôme Brunetiere, Segretario Generale della kermesse. Si passa da Monteverdi alle creazioni contemporanee. Il lavoro della Saariaho che è un grande successo. Segno di un festival eclettico."

La trama è scritta dalla drammaturga finlandese Sofi Oksanen. Il libretto è stato tradotto in ben nove lingue. A dirigere l’orchestra Susanna Meälkki, dell' Orchestra Filarmonica di Helsinki. Come ci ha spiegato la compositrice questo lavoro è un po' come un thriller. Il rapporto tra i personaggi, tra i linguaggi, si comprende scena dopo scena. Pian piano viene da chiedersi chi sia veramente l’innocente e il colpevole."

Un mix di tradizione, rock e sonorità alla Bjork

Sul palco ad incantare la platea voce di Vilma Jää una cantante che affonda le sue radici nella musica folk finlandese. Un timbro che evoca una pura innocenza. E poi la forza del tenore colombiano Camilo Delgado Díaz.

"Kaija Saariaho è una delle compositrici viventi di opera lirica contemporanea tra le più stimate al mondo”, sottolinea Delgado Díaz. “È un genio nell’ambito della musica orchestrale e dell'opera. E’ davvero straordinario come riesca ad a miscelare una serie di linguaggi così diversi tra loro. Anche l’argomento che tratta è importantissimo. É riuscita a cogliere il giusto senso di un tema come il bullismo nelle scuole e le conseguenze che questo può avere.

Un'opera colossale

Dopo il successo de "L'Amour de loin", "Adriana Mater" ed "Emilie" in collaborazione con lo scrittore franco-libanese Amin Maalouf, Kaija Saariaho ha sorpreso ancora una volta pubblico e critica. C'è un lato rock e un lato molto nordico. Si sente la contaminazione del sound islandese di Bjork. Ci sono suoni molto forti, pregnanti, è una musica che tocca il fondo, che tocca l’anima.

Innocence è una coproduzione che vede coinvolti l’Opera Nazionale Finlandese, quella dei Baesi Passi, la Royal Opera House e la la San Francisco Opera. Uno dei tanti capolavori del Festival d’Aix-en-Provence in programma fino al fino al 25 luglio.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Perché Roger Waters sta rovinando "The Dark Side Of The Moon" dei Pink Floyd?

Franco Battiato: il suo "centro di gravità permanente", un anno dopo

Tornano gli ABBA. Dopo 40 anni nuovo album e concerti rivoluzionari