EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Slovacchia: il governo riapre i confini (altrimenti, code e proteste), ma solo ai vaccinati

Slovacchia: il governo riapre i confini (altrimenti, code e proteste), ma solo ai vaccinati
Diritti d'autore EBU
Diritti d'autore EBU
Di Cristiano TassinariEuronews - Siti internazionali
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Dal 9 luglio, nuove regole per l'ingresso in Slovacchia. Via libera con corsie "verdi" per i vaccinati, quarantena di 14 giorni per i non vaccinati. Proteste e lunghe code. Retromarcia del governo: i piccoli valichi di frontiera tornano liberi, ma negli altri, ancora rigidi "controlli vaccinali"

PUBBLICITÀ

Nuove regole, corsie verdi e lunghe code per entrare in Slovacchia.

Dal 9 luglio, il fatto di essere o meno vaccinati è diventato il lasciapassare per poter entrare nel paese senza problemi.
Secondo il decreto dall’Ufficio della sanità pubblica slovacca, le persone completamente vaccinate non hanno bisogno di un periodo di quarantena e devono solo registrare online in anticipo il loro ingresso in Slovacchia, tramite il modulo sul sito e-Hranica.

Bloccati i valichi di frontiera dagli automobilisti

Mentre le persone non vaccinate sono tenute a sottoporsi a una quarantena di 14 giorni, che può essere interrotta da un tampone molecolare negativo eseguito non prima del quinto giorno dopo l’arrivo (tranne i minori di 12 anni, che terminano la quarantena insieme ai famigliari).

AP Photo
Proteste alla frontiera tra Polonia e Slovacchia.AP Photo

Alla frontiera tra Slovacchia e Polonia, a Leluchów. le proteste degli automobilisti sono state particolarmente accese...

Bloccati dagli automobilisti, venerdi¨, anche i valichi di frontiera di Čunovo-Rajka verso l'Ungheria e di Svrčinivec verso la Repubblica Ceca.

Sono previste alcune esenzioni alla quarantena, tra le quali quella per i frontalieri

Retromarcia del governo slovacco

Di fronte alle proteste, il governo slovacco del neo premier Eduard Heger (45 anni, in carica da aprile) ha riaperto i piccoli valichi di frontiera, quelli considerati di terza categoria.
Per gli altri, restano i controlli di polizia.
Estesi anche alla capitale Bratislava dove polizia, esercito, funzionari dell’Amministrazione finanziaria e persino agenti della guardia carceraria svolgono controlli sull’adempimento degli obblighi di quarantena di chi entra in Slovacchia.
Proprio da Bratislava è stato riaperto il vecchio confine di via Kopčianska con il villaggio austriaco di Kitsee.

Dalla prossima settimana, le code ai confini slovacchi dovrebbero essere molto snelle.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Covid-19: in Slovacchia cominciata la somministrazione dello Sputnik V

In slovacchia, il gioco della sedia

Governo slovacco a rischio