ULTIM'ORA
This content is not available in your region

AD di Ryanair attacca Unione Europea

Di Sandor Zsiros  & Euronews
euronews_icons_loading
Images
Images   -   Diritti d'autore  Euronews
Dimensioni di testo Aa Aa

Il certificato covid europeo è stato un grande passo avanti e aiuterà a tornare alla normalità secondo l'amministratore delegato di Ryanair. Parlando con Euronews a Bruxelles, Michael O'Leary si è scagliato contro l'Irlanda per non aver presentato il certificato in tempo.

Michael O'Leary, CEO, Ryanair: "Per tornare in Irlanda, devo ottenere un test PCR negativo nonostante il fatto che io sia vaccinato. Sfortunatamente, vivo in un paese che ora è lo zimbello dell'Europa e potrebbe gestire male la ripresa postcovid".

O'Leary ha affermato che i viaggiatori con il certificato covid non presentano rischi, quindi le restrizioni di viaggio dagli Stati membri dovrebbero essere rimosse. In precedenza la Germania ha voluto mettere in quarantena viaggiatori provenienti dal Portogallo e dal Regno Unito.

Michael O'Leary, CEO, Ryanair: "Dobbiamo fermare in Europa i singoli paesi che impongono regolamenti stupidi o inefficaci. Ora abbiamo il certificato digitale covid che consente a tutti di arrivare, vaccinati o con una PCR negativa, e questo dovrebbe dare ai tedeschi la sicurezza di cui hanno bisogno. Il piano della signora Merkel di due settimane fa, che doveva richiedere ai visitatori in Germania provenienti dal Regno Unito di mettersi in quarantena per due settimane, non aveva senso. Il Regno Unito è il paese con la popolazione più vaccinata in Europa".

O'Leary ha respinto l'ultimo rapporto della Corte dei conti europea secondo cui gli Stati membri e le compagnie aeree hanno lasciato a terra passeggeri, quando tantissimi voli sono stati cancellati e i rimborsi sono stati ritardati.

Michael O'Leary, CEO, Ryanair: "I nostri uffici sono stati chiusi per tre mesi. Come dovevamo occuparci dei rimborsi? Nessuno poteva andare in un ufficio e non potevamo lavorare, ecco perché ci hanno accusato con quel rapporto. Il rapporto della Corte dei conti è, francamente, spazzatura."

Recentemente molte aziende mostrano solidarietà con i diritti LGBTI mostrando i colori dell'arcobaleno. L'amministratore delegato è sorpreso, ma sembra disposto a partecipare all'iniziativa.

Michael O'Leary, CEO, Ryanair: "Non ci avevamo pensato. Ma se qualcuno vuole che mettiamo una bandiera LGBT, saremmo molto felici di farlo. Diamo il benvenuto a chiunque qualunque sia il genere o la preferenza sessuale. Finché voli con Ryanair, non ci interessa. Grazie mille. Grazie mille. È un'ottima domanda. Non me l'avevano mai fatta."